0

Economia. Il sindacato in crisi? Ripensiamolo “integrale”

Pubblicato il 15 maggio 2014 da Mario Bozzi Sentieri
Categorie : Economia

lavoratori legoIl sindacalismo italiano non gode di buona salute. Dopo essere stato, per decenni, la quarta gamba del sistema di potere/rappresentanza italiano, sembra ora destinato a subirne la stessacrisi. Apparentemente è una situazione paradossale. Nel momento in cui la depressione, che ha colpito la nostra economia, richiederebbe  una più forte domanda sociale ed adeguate contromisure (a cui proprio il sindacato dovrebbe dare il suo contributo) le tradizionali forme di rappresentanza dei lavoratori mostrano la corda. Perfino la “concertazione”, utilizzata quale strumento compensativo delle tensioni sociali,  è stata accantonata dal governo in carica, senza particolari reazioni da parte dei vertici sindacali.

Vengono al pettine le tante contraddizioni accumulatesi negli anni: la perdita dell’identità “classista”, il ruolo di potere delle Confederazioni (con il conseguente persistere di un sistema di privilegi), la mancanza di regole trasparenti nella rappresentanza (con l’emergere di una sostanziale autoreferenzialità), il radicarsi di un sistema di gestione delle risorse, che sfugge ai controlli.

A venire meno è poi lo slancio ideale, provocato dal tramonto delle vecchie ideologie. Il sindacato si è burocratizzato, adagiandosi su se stesso, appesantito  dall’automatismo delle deleghe e dal prevalere dei pensionati sugli iscritti attivi.

Sono lontani i tempi  in cui il mondo del lavoro era portatore di un progetto sociale di cambiamento, in grado di coinvolgere l’intera società e di immaginarla integralmente diversa, anche a costo di dare scandalo.

Pensiamo all’idea corridoniana dello Stato da “conquistare” (innanzitutto a livello di nuova coscienza collettiva), alla concezione dello “sciopero generale” inteso come scontro tra due volontà di potenza (quella della borghesia e quella del proletariato), alla forte domanda di modernizzazione (contro/oltre un’Italietta mediocre e pavida), all’aspirazione di coniugare idea nazionale e lotte sociali, alla polemica contro l’infame camorra del parlamentarismo e all’ambizione di un nuovo sistema di rappresentanza politica e sociale, costruito intorno alle categorie organizzate.

Pura Storia ? Semplici icone del tempo che fu ? Pensiamoci… a noi pare che, mutati i tempi ed i “contesti”, da quelle idee possa partire una nuova stagione per un sindacalismo che voglia e sappia essere “integrale”, cioè portatore di un’idea alta e nobile di società.

Di fronte al rifluire della politica in mera protesta, al venire meno dell’orgoglio del ruolo di lavoratore, alla necessità di modernizzazione del Paese, allo scontro tra economie “nazionali”, all’inadeguatezza delle attuali forme di rappresentanza partitocratica, è da una nuova consapevolezza di ruoli e di azioni, espressione  di un’idea sindacale  “integrale”, che può passare una speranza autentica per il mondo del lavoro ed una nuova volontà di trasformazione sociale e politica.

Così com’è il sindacalismo italiano può solo tirare a campare. Con il rischio, alla fine,  di essere  travolto  dall’onda di piena della crisi e delle sue intime, non risolte contraddizioni.

@barbadilloit

 

Di Mario Bozzi Sentieri

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>