1

Scintill&digitali. Arriva Facerig la app che riproduce le nostre espressioni su pc

Pubblicato il 26 settembre 2014 da Natale Cassano
Categorie : Scintill&digitali

FaceRig-alpha-stage-09In periodo di social Network, sorveglianza in rete (qualcuno ricorda lo scandalo Nsa?)e chat, è sempre più difficile riuscire a fare una conversazione in rete senza che la nostra faccia venga registrata insieme a tutti i dati che i siti, senza avvertirci, registrano. O forse no?

Una soluzione di anonimato nelle videochat esiste. Ci sono diverse applicazioni che in qualche modo ci “mascherano”, permettendo ad esempio di fare una videochiamata agli amici anche con la telecamera accesa senza apparire sullo schermo. E alcune di queste app, come quella che sto per presentarvi, lo fa anche in maniera divertente.

Sto parlando di Facerig, un progetto nato dalle menti di quattro sviluppatori della Romania, che già in passato avevano lavorato per case di produzione di videogiochi e di applicativi per computer.

Facerig è un programma che sfrutta la nostra telecamera per riprodurre i movimenti del nostro volto sullo schermo, la cosiddetta tecnologia del “face motion” molto utilizzata dall’industria cinematografica per la realizzazioni di prodotti di animazione in 3d, come in Avatar. Solo che in questo caso si tratta di una tecnologia accessibile a tutti e a basso prezzo. L’applicazione è infatti disponibile a poco più di 9 euro nel negozio online di Steam (i creatori della serie Half-Life) e ti permette di trasformarti in una serie di personaggi di fantasia. Tra i possibili avatar infatti ci sono, principesse elfiche, stregoni, mostri, animali di vario genere (lupi, cani, gatti, ecc), ai quali potremo far replicare qualunque nostro movimento facciale in tempo reale. Non mancano inoltre personaggi umani, nel caso volessimo rendere l’esperienza ancora più realistica

Il numero di personaggi sta crescendo con il passare del tempo, permettendoci anche di vestire i panni di personaggi molto particolari. Ad esempio, chi non ha mai sognato di trasformarsi in un cheeseburger? Magari non in molti, ma si tratta di un’esperienza molto divertente.

Facerig però è molto utile anche per permetterci di videochiamare in maniera anonima altre persone. Con l’acquisto della versione pro (che costa 40 dollari), infatti, potremo sfruttare gli avatar in qualsiasi conversazione, integrandoli in videochat come skype, facebook video messenger ma an e omeego (una videochat che permette di videoconversare con contatti sconosciuti, sul modello di chatroulette, per intenderci).

Insomma i quattro sviluppatori rumeni hanno fatto fare passi da gigante alla loro creatura, nata come “passatempo pomeridiano per il weekend”, come loro stessi lo definiscono sul sito ufficiale dell’applicazione.

E’ probabile quindi che la prossima generazione di applicazioni e videogiochi introdurrà la tecnologia alla base di Facerig, permettendoci di diventare noi stessi i protagonisti dell’azione, con mimica e movimenti fedeli a quelli nostri. Già si stanno sperimentando apparecchi che ci permetteranno di vivere una realtà virtuale a 360 gradi, come l’Oculus Rift, il visore di cui ultimamente si sente molto parlare e che probabilmente andrà a sostituire i vecchi sensori di movimento che attualmente sono alla base di consolle come la Wii.

Per chi intanto volesse iniziare a provare l’ebrezza di testare la tecnologia facemotion non rimane che provare Facerig. E avrete così la dimostrazione che non servono macchinari da migliaia di euro per poter riprodurre le tecnologie che attualmente vediamo al cinema nei film in 3d. Per maggiori informazioni visitare il sito ufficiale dell’app: https://facerig.com

FaceRig-alpha-stage-11@barbadilloit

Di Natale Cassano

Una risposta a Scintill&digitali. Arriva Facerig la app che riproduce le nostre espressioni su pc

  1. voglio giocare a facerig

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>