0

Mondiali. La pazienza del Samurai: Zaccheroni svelerà il nuovo Giappone il 12 maggio

Pubblicato il 8 maggio 2014 da Giovanni Vasso
Categorie : Sport/identità/passioni

zacComincia a farsi sentire la febbre mondiale. E sale, sale anche nel Paese del Sol Levante. Il commissario tecnico dei Samurai tiene tutto il Giappone pallonaro in apprensione: solo il 12 maggio prossimo Alberto Zaccheroni diramerà la lista dei convocati di Brasile 2014.

SCELTE DIFFICILI? Zac ha le idee chiare, a quanto pare. Ma si sa che è sempre meglio aspettare prima di decidere. Fino all’ultimo secondo disponibile, poi dovrà andare avanti con quello che avrà scelto di avere. Festina lente, Zaccheroni. Cautela e fermezza. Tanto, non è che avrà la pressione che subiva quando allenava in Italia. I punti fermi della nazionale nipponica restano sempre gli stessi ma potrebbero esserci grosse novità. Sicuri del biglietto per il Brasile sono l’interista Yuto Nagatomo e il capitano del Gamba Osaka Yasuyuki Konno, centrocampista ‘basso’ a presidio della difesa. Attende la chiamata anche lo spettro di San Siro, il milanista Keisuke Honda e il centrocampista del Manchester United (ex Borussia Dortmund) Shinji Kagawa. Zaccheroni, infine, avrebbe già prenotato una stanza anche a Shinji Okazaki, punta che gioca nel Magonza, in Germania. Corsa contro il tempo per recuperare il capitano della nazionale: Makoto Hasebe, che gioca nel Norimberga, è stato messo fuori causa da un infortunio che potrebbe tenerlo fuori dai giochi. Dalla pattuglia nippo-tedesca potrebbero far parte anche il terzino Hiroki Sakai (che gioca nell’Hannover) e un altro difensore, Gotoku Sakai, giovane centrale dello Stoccarda.

L’ATTESA DEI SAMURAI. Per completare la rosa della nazionale giapponese, Alberto Zaccheroni dovrà pescare nella J-League. Il livello del campionato nipponico, però, lascia ancora a desiderare. Fuori discussione un ruolo da chioccia per Shunsuke Nakamura. L’ex centrocampista offensivo del Celtic ‘scoperto’ dalla Reggina – che lo scorso anno si è laureato calciatore dell’anno in patria indossando la maglia dello Yokohama Mariners – potrebbe guardare i mondiali dalla tv. Zac potrebbe scegliere di proseguire sulla linea verde e far crescere alcuni giovani interessanti. Sicuro della chiamata, invece, il difensore Masato Morishige, talentuoso centrale che si è messo in luce nel Tokyo Football Club e che la stampa sportiva del Sol Levante tratta come il nuovo Bob Denver, il baluardo della nazionale giapponese di Holly e Benji. Difensori che attendono la chiamata di Zac sono pure Yuji Nakazawa (che gioca nell’Yokohama Mariners) e il nippo-brasiliano Marcus Tulio Tanaka del Nagoya Grampus.

AL POSTO DI HOLLY E BENJI. Le sorprese potrebbero non mancare. Come l’attaccante Masato Kudo, centravanti del Kashima, che ha siglato nell’ultima di campionato, un gol pesantissimo sia in chiave classifica (all’Antlers) sia in chiave mondiali. Un altro tassello offensivo che la stampa nipponica suggerisce a Zaccheroni è il puntero Yohei Toyoda, un insolito ariete di 185 centimetri che lo rende il Luca Toni del Sagan Tosu. Rispetto al bomber del Verona, però, c’è una grossa differenza. Toyoda gioca indossando il paradenti. Pochi dubbi per quanto riguarda i tre portieri che Zac porterà con sè in Sudamerica: il titolare sarà Eiji Kawashima dello Standard Liegi. Il dodicesimo sarà Shusaku Nishikawa, estremo difensore del Sanfrecce Hiroshima. Ballottaggio per posto da terzo portiere: si contendono una maglia d’onore Shuichi Gonda, baluardo del Tokyo Fc che sarebbe in leggero vantaggio sull’avversario, il portiere dai capelli rossi Masaaki Higashiguchi, guardiano della porte dell’Albirex Niigata.

@barbadilloit

Di Giovanni Vasso

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>