0

Premier. Quinto ko interno di fila del Watford: Zola dimissionario (come Guidolin a Udine)

Pubblicato il 17 dicembre 2013 da Francesco Sannicandro
Categorie : Scritti Sport/identità/passioni

zolaNon dev’essere un gran momento per Giampaolo Pozzo. Il patron di Udinese e Watford (ma anche del Granada in Spagna) si è visto arrivare, nel giro di poche ore, le “proposte” di dimissioni degli allenatori di due delle sue squadre. Prima Guidolin, poi Gianfranco Zola si sono detti pronti, con parole tanto simili da sembrare quasi concatenate, a fare un passo indietro, visti i momenti tutt’altro che felici dei due club. E alla fine l’ex Magic Box, che lo scorso anno è andato vicinissimo alla promozione in Premier League con un percorso degno di un grande romanzo, ha deciso di gettare la spugna, dopo un filotto di cinque sconfitte casalinghe consecutive.

Nelle file del club inglese Zola non era l’unico italiano. Pozzo, infatti, lo ha reso una vera e propria società “satellite” dell’Udinese, spedendo in Gran Bretagna Gabriele Angella, Diego Fabbrini (entrambi prodotti del fertile vivaio dell’Empoli), l’ex interista Davide Faraoni, gli italoargentini Battocchio e Forestieri, più l’ex Roma Marco Cassetti. Colonia che s’infoltisce se si tiene conto della  presenza di chi dalla Serie A ci è passato, lasciando poche tracce, come Abdi, Ekstrand e Pudil. Il mix anglo – friulano, l’anno scorso, ha “rischiato” di finire dritto nel campionato più seguito del mondo, la Premier appunto, ripetendo così l’exploit del Granada. Hanno fatto il giro del mondo le immagini della pazza semifinale playoff contro il Leicester. Dopo aver perso l’andata in trasferta per 1-0, i ragazzi di Zola infatti riuscirono a ribaltare la situazione con un epilogo da sogno. In vantaggio per 2-1, al settimo minuto di un lunghissimo recupero il Leicester ebbe l’opportunità di pareggiare su calcio di rigore, ma l’ex Arsenal Almunia parò il tiro dal dischetto e fece ripartire immediatamente l’azione, che portò al clamoroso 3-1 del Watford. Praticamente, Purgatorio-Inferno-Paradiso in un giro di lancette d’orologio. Poi, purtroppo per Pozzo e Zola, la finale la vinse il Crystal Palace, lasciando gli Hornets ancora in Championship.

Nessuno però, quest’anno, si aspettava un inizio così difficile. Tredicesimo posto, 25 punti, otto sopra la zona retrocessione, otto sotto quella playoff. Ma, soprattutto, cinque sconfitte interne di fila che hanno spinto Gianfranco Zola alle dimissioni, intenzione anticipata ai microfoni del DailyMirror dopo l’ultima gara. Guidolin, invece, per il momento rimane al suo posto. A Pozzo il compito di trarre il dado finale, decidendo di accettare un altro passo indietro oppure, magari, di farne insieme uno avanti.

@barbadilloit

Di Francesco Sannicandro

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>