0

Milan. Arriva Adil Rami, il difensore più sexy di Francia già ballerino del Gangnam Style

Pubblicato il 13 ottobre 2013 da Enrico Albertosi
Categorie : Sport/identità/passioni

Schermata 2013-10-12 a 17.23.38Un altro fuori rosa sbarca in Italia: Galliani e co. – divenuti veri e propri esperti del settore – portano a Milanello il gigante sexy con la sfrenata passione per il ballo Adil Rami.

Come sempre accade in Italia, specialmente in questi ultimi tempi, ogni arrivo dall’estero è vissuto come lo sbarco del liberatore del nostro calcio. Tuttavia, a Rami, una cosa va riconosciuta: di sicuro non gli manca né forza fisica, né talento e nemmeno carattere. Chissà cosa succederà appena stenderà Balotelli in allenamento…

Adil Rami è diventato calciatore quasi per sbaglio, in costa azzurra: di origini marocchine, ma cresciuto in Francia, ha ‘rischiato’ di rispondere alle convocazione della nazionale maghrebina “solo perché non credevo di riuscir mai ad arrivare a meritare la chiamata dei Blues”.  Doveva essere il colpo di mercato del Valencia ma con gli spagnoli è andata malissimo. Puntare forte sul gigante franco-marocchino, che nel tempo libero si dedica agli scatti fotografici per le campagne pubblicitarie delle aziende di biancheria intima, si è rivelato un errore per il club iberico che l’ha ceduto, a pezzi di ‘saldo’, in prestito al Milan.

Già l’inizio non è stato dei migliori: Adil prende parte all’evento di beneficienza “Une nuit à Makala” organizzato dalla sua ex squadra, il Lille, e si lancia in una sfrenata danza sulle note del Gangam Style del rapper sudcoreano Psy. Forse si lascia trasportare un po’ troppo dalla musica del momento, il risultato è che gli escono le vesciche ai piedi e che quindi deve fermarsi ai box. Il Valencia si incazza, e pure di brutto.

Ma la rottura definitiva è avvenuta poche settimane fa quando, ad una radio, Rami – alias Shreck (anche se in Francia, per ben due anni, è stato dichiarato giocatore più sexy del campionato…) – confida tutti i suoi dubbi e malumori nell’esperienza valenciana. Ce l’ha con i compagni: “Nello spogliatoio sono rimasti soltanto i lecchini” e con l’allenatore Djukic, ‘reo’ di sbatterlo troppo spesso in panca: “Mi ha detto che potrei essere uno dei migliori difensori europei ma non me lo dimostra”. Così, dalla panchina è finito direttamente in tribuna, fuori rosa.

Il Milan ha battuto la concorrenza dell’ex ‘maestro’ di Rami, Rudi Garcia e della sua Roma, e se ne è aggiudicato le prestazioni. In rossonero ritrova il terrifico Kevin Constant, suo vicino di casa ai tempi delle giovanili, e Philippe Mexes, con cui ha già giocato in coppia in alcune uscite della nazionale transalpina.

Il gigante ballerino – un sensualissimo bestione (secondo le francesi) di 190 centimetri per 88 chili, brillantina e gel manco fosse Gregory Peck –  inizierà gli allenamenti a Milanello e da gennaio sarà a disposizione del suo nuovo tecnico, l’eterno traballante Max Allegri. A cui Galliani ha regalato una squadra di primedonne prese direttamente dalle tribune degli stadi di mezz’Europa in cerca di riscatto.

Di Enrico Albertosi

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>