1

La lettera. La destra le radici e la passione scomoda alla Longanesi o Buscaroli

Pubblicato il 2 ottobre 2013 da Andrea Danubi
Categorie : La Destra riparte da...

Leo Longanesi: la fabbrica del dissensoUn uomo di destra è un uomo libero, ben presente al suo senso di responsabilità: verso se stesso innanzitutto, verso la propria identità storica e culturale, verso il rispetto delle radici e della Tradizione. L’uomo di destra è contro il progressismo sinistro, l’utopismo pacifista ed egualitario, contro l’idea “organica” dell’individuo nel significato gramsciano del concetto. Questi son punti fermi. Io mi sento un borghese conservatore anarchico di destra. Non mi piace l’insensibilità all’idea di Patria, non mi piace chi confonde lo stato con lo statalismo, non mi piace una società che debba rispondere solo ad imperativi economici. E’ un discorso di civiltà. E certo oggi uno di destra, che pensa appunto con la propria testa, è a disagio. C’è una enorme difficoltà nel ritrovarsi e nell’identificarsi, se trasportiamo il ragionamento al quadro politico odierno. Non hai nessun appiglio solido in cui riconoscerti. Siamo disorientati fra le rovine.

Lotti giornalmente per le tue idee, non vuoi barattarle o adattarle ai personaggi.

Apro una parentesi. Ti chiedono di occupartene: se scegli una parte politica sei tacciato di opportunismo o di servitù. Se non ti impegni vieni rimproverato per il tuo “superbo letargo”, da “fossile o disfattista” (rubo le immagini a Veneziani). Immobile sulla tua turris eburnea. Essendo brutalmente sincero con te stesso, non ti senti rappresentato da nessuno. Attraversi il bosco col tuo bagaglio e ti allontani, un po’ rassegnato, un po’ disgustato. Senza spocchia, ma con profonda amarezza.

Una visione decadente? Dovremmo andare oltre, lo so, ma non si vede chi traccia la strada. Vorresti salire su una navicella spaziale e restituire al tuo spirito, al tuo credo, un altro tempo, altri saperi, altri linguaggi. Il berlusconismo (non parliamo del finismo, per carità) non fa per te. Vedi Schifani e Bondi, Gasparri e Capezzone e scapperesti sulla luna. Poi ti volti dall’altra parte e vedi – dopo aver scorto nei salotti buoni gli infidi galleggiatori, i mediocri, i rinnegati, i “canguri giganti” (come li chiamava Mussolini) – quelli che per decenni ti hanno sputato addosso, che ti vorrebbero morto, che hanno cercato di levarti la dignità, la cittadinanza. Vedi i togliattiani e i trinariciuti con la bava alla bocca, vedi la guerra civile per impossessarsi dell’Italia, di quel che ne resta. Vorresti disfarti del presente, dei contemporanei.

La tua passione è scomoda, i tuoi sentimenti demodé. Ti estranei, senza atteggiarti a profeta disadattato o a pensatore incompreso. Vorresti essere Longanesi, Guareschi, Prezzolini, Buscaroli, e potertelo permettere. Vorresti aver fatto le battaglie feroci di Giorgio Pisanò, e non avere il commissario di partito che ti dica cosa devi pensare. Come sento pronunciarsi l’intellettuale organico (categoria vastissima, che va da Fazio a Vecchioni, da Celentano a Benigni, da Scalfari a Saviano), allineato, il sacerdote delle coscienze felice della sua faziosità ripagata, mi si rizzano i peli.

Vorresti che nell’epoca hi-tech, dove materialismo, nichilismo e proliferazione dei desideri fanno da padroni qualcuno si elevasse da questo conformismo e cercasse di lenire il travaglio. E ti lasciasse l’illusione che lavori per un destino diverso. Che le categorie della politica “alta” possano ancora dare un senso a tutto. Perché “la politica è la fabbricazione della storia”, diceva uno che è meglio non citare.

 

*Lettera a Barbadillo.it di Andrea Danubi – Castiglione della Pescaia

Di Andrea Danubi

Una risposta a La lettera. La destra le radici e la passione scomoda alla Longanesi o Buscaroli

  1. I really like reading an article that can make people think.
    Also, thank you for allowing for me to comment!

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>