0

Esteri. Bloody Sunday, riaperta l’inchiesta sull’eccidio di Derry

Pubblicato il 10 gennaio 2015 da Giovanni Vasso
Categorie : Esteri

bloody sundayBloody Sunday, riaperta l’indagine giudiziaria sull’eccidio che il 30 gennaio 1972 costò la vita a quattordici persone che manifestavano per i diritti civili a Derry. Al lavoro sul caso ci sarà una squadra composta da dodici investigatori della Psni (Police service of Northern Ireland).

Già a novembre scorso, le famiglie delle vittime avevano depositato un ricorso giudiziario per scongiurare ogni derubricazione dei capi d’imputazione. Si vocifera, ormai dall’ottobre 2013, che sarebbero una ventina i militari britannici a rischio processo: le accuse sono di omicidio, tentato omicidio e lesioni gravi. Dal 12 gennaio, ripartirà l’inchiesta giudiziaria che potrebbe presto portare alla formalizzazione di accuse e imputati e, quindi, all’incardinamento di un processo sui fatti che insanguinarono l’Irlanda del Nord quarantatré anni fa.

L’esigenza di ottenere, finalmente, un processo che faccia luce sulla Domenica di Sangue è diventata ancora più pressante da quando, nel 2010, la commissione d’inchiesta presieduta da Lord Saville di Newdigate e insediatasi nel 1998, accertò che i militari britannici persero completamente il controllo della situazione e che nessuna delle vittime aveva manifestato atteggiamenti violenti nei confronti del primo battaglione di paracadutisti intervenuti a “garantire” l’ordine pubblico durante la marcia di Derry. E, per di più, l’inchiesta ha appurato scenari raccapriccianti. Su tutti la circostanza, messa nero su bianco nelle sessanta pagine prodotte dalla commissione Saville, relativa al fatto che alcune delle vittime fossero rimaste uccise perchè colpite alla schiena da colpi di arma da fuoco. Il premier David Cameron, all’indomani della pubblicazione del rapporto, dovette presentare le scuse del Regno Unito ai familiari delle vittime della Bloody Sunday. Ma, ora, le famiglie vogliono giustizia e si affidano all’inchiesta che verrà riaperta proprio in queste ore, per appurare responsabilità personali e penali.

Intanto lo Sinn Féin esulta. L’ex hunger striker Raymond McCartney, in una nota ufficiale, spiega: “Siamo felici del fatto che l’inchiesta verrà riaperta. Facciamo appello alla polizia nordirlandese affinché onori la promessa fatta nel 2012 alle famiglie delle vittime del Bloody Sunday, quella di un’inchiesta accurata e seria”.

@barbadilloit

@giovannivasso

Di Giovanni Vasso

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>