0

Politica. Marino va a Parigi e rinvia il dibattito sul Salva Roma. Il centrodestra: “Dimissioni”

Pubblicato il 13 marzo 2014 da Martina Bernardini
Categorie : Cronache

marino biciRoma: dalla minaccia di un blocco totale, all’abbandono? Già, perché il sindaco Ignazio Marino in questi giorni è in terra francese, a contraccambiare la visita istituzionale di Bertrand Delanoë a Roma, avvenuta lo scorso dicembre. Ma non solo. A Parigi, come informa il Campidoglio, con il suo collega transalpino Marino parlerà di mobilità e cultura, incontrerà il vicepresidente Amf (Anci francese), assisterà alla proiezione del film Una giornata particolare di Ettore Scola, in occasione dell’inaugurazione della settimana del cinema straniero. Infine, Marino e Delanoë parteciperanno ad un’iniziativa elettorale che li vedrà scendere in campo al fianco della candidata del Partito Socialista Francese e attuale vicesindaco di Parigi Anne Hidalgo, che si presenterà all’appuntamento con gli elettori il 23 marzo.

Il tutto, mentre a Roma, proprio oggi, si sarebbe dovuto discutere del cosiddetto Salva Roma ter. Salva Roma: agognato, voluto, preteso. Difficilmente i romani dimenticheranno la ribellione (durata appena 24 ore) del sindaco, che ha puntato i piedi e sbattuto i pugni per chiedere l’approvazione immediata di un nuovo decreto al neo-governo Renzi, pena la minaccia di paralizzare tutta la città. A partire dai servizi alla cittadinanza, come la raccolta dei rifiuti o il trasporto pubblico, per finire con il licenziamento dei dipendenti delle municipalizzate, come AMA e ATAC. Però poi Renzi era intervenuto a placare i toni, il provvedimento a Roma e ai romani era stato dato: in 24 ore un nuovo Salva Roma. A delle condizioni ben precise, però: 570milioni di euro alla Capitale in cambio di un piano triennale di riduzione del disavanzo pubblico. Riduzione che passerà, con ogni probabilità, per la privatizzazione di alcuni servizi pubblici. Non si prevedono tempi facili per le società partecipate del Comune, alle quali, intanto, è stato fatto divieto di assunzioni a tempo indeterminato, «nell’ottica di razionalizzazione delle spese» – come ha dichiarato lo stesso Marino.

Insomma, questo Consiglio comunale s’aveva da fare. E invece sarà rimandato dal 13 al 18 marzo, quando il sindaco sarà nuovamente nel suo ufficio. D’altra parte, secondo il Campidoglio, un appuntamento come questo era improrogabile e fissato ormai da tempo. E così, il Salva Roma, per il quale si era minacciato di mettere a ferro e fuoco la città, dovrà aspettare. E questo, all’opposizione, proprio non va giù. A partire da Fratelli d’Italia: «Il sindaco Marino con la scusa di improbabili cause istituzionali costringe l’Assemblea Capitolina a rinviare la fondamentale seduta sul Salva Roma, preferendo andare in ‘gita’ a Parigi» – ha dichiarato il portavoce capitolino della Costituente Andrea De Priamo, che ha concluso chiedendo le dimissioni del sindaco Marino, «dopo l’ennesima gaffe e dopo i disastri di questi mesi». Dello stesso parere Marco Pomarici, del Nuovo Centro Destra: «Il sindaco preferisce partire alla volta di Parigi per sostenere la causa della sinistra francese nelle elezioni amministrative. Gli chiediamo un gesto di dignità. Si dimetta e resti in vacanza a Parigi». Infine, nemmeno Luca Gramazio, capogruppo di Forza Italia alla Regione Lazio, si è risparmiato: «Le analisi pubblicate da Il Tempo aggiungono ad arsenico e amianto anche alluminio e batteri. Mentre la vicenda acqua si fa sempre più preoccupante, mentre l’assemblea capitolina dovrebbe discutere del Salva Roma, Marino, con pessimo tempismo, pensa bene di andare a Parigi. Questa è l’ennesima perla che ci regala dal momento del suo insediamento. Dilettantismo puro».

 @barbadilloit

Di Martina Bernardini

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>