0

Calcio. L’ex imperatore Adriano riparte: stage con l’Atletico Paranaense sognando il riscatto

Pubblicato il 4 dicembre 2013 da Claudio André Taffarel
Categorie : Sport/identità/passioni

Schermata 2013-12-03 a 23.33.21Provaci ancora, Adriano. Il fu Imperatore della Milano nerazzurra si accaserà all’Atletico Paranaense, squadra rivelazione (e forse nemmeno tanto…) del Brasileirao. Per il momento l’affare è in stand-by: se si comporterà bene, la società di Curitiba lo tessererà.

REVISIONE SCADUTA – Adriano è fermo da più di due anni e mezzo. Dopo il flop della (dis)avventura al Corinthians – finita nel marzo del 2011 – nessuno ha avuto il coraggio di portarsi in squadra il centravanti. Certo, abboccamenti e ammiccamenti se ne sono sprecati. Dall’ingaggio fantasma al Flamengo (parliamo del secondo ritorno, consumatosi lo scorso anno), mai sceso in campo, fino alle chiacchiere di Internacional e Botafogo. Per Adriano Leite Ribeiro sembrava giunto il momento di appendere gli scarpini al chiodo, a poco più di trent’anni. Colpa soprattutto sua, in fondo. E invece ecco che arriva l’ultima occasione, servita sul piatto d’argento dell’Atletico Paranaense, squadra a cui fece gol nella sua fortunata parentesi con la maglia del Flamengo nel 2009-10.

“STAVOLTA FA SUL SERIO” – La Gazzetta, che riprende il sito brasiliano Lancenet, assicura che Adriano fa sul serio. Vuole riscattarsi e riprendersi il suo posto nel calcio. Almeno così avrebbe spiegato un suo amico. Sull’Imperatore, però, gravano le ultime e opache apparizioni: dalla sciagurata parentesi con la Roma fino ai campi brasiliani, dire che non la sua stella non ha brillato è solo un pietoso eufemismo. Bolso e pesante, svogliato e distratto, ha fatto bestemmiare i tifosi dei due mondi. Che ora punti al riscatto?

SGOMITARE E SOGNARE – L’Atletico di Paranà è la squadra che più delle altre – a Curitiba – riesce a calamitare spettatori allo stadio. I rubro-negros, nel campionato nazionale, stanno ai primi posti della classifica. Nel 2005 arrivò il primo (e finora unico) titolo brasiliano. La società, però, sta cercando con una pianificazione ventennale che parte dall’inizio degli anni ’90 di costruire una squadra importante e di allestire un progetto prestigioso. Far conoscere il nome dell’Atletico Paranaense al mondo del calcio sarà un’impresa e, forse, l’ingaggio di una (ex?) stella come Adriano potrà servire alla bisogna.

LA REDENZIONE E LA SELECAO – Il sogno inconfessato è la redenzione, ritornare ad essere il centravanti che seppe far tremare l’Europa e l’Italia quando, nel Belpaese, il calcio si giocava ancora ad alti livelli. E magari, una volta risorto, l’Imperatore potrebbe ambire a riconquistare lo scettro dell’attacco della Selecao. Felipe Scolari è alla ricerca disperata di una punta vera, dopo che anche Diego Costa ha declinato le offerte del Brasile per far la riserva a Torres, il maramaldo di Spagna. Adriano sogna, e farlo non costa nulla. Anche perché, allo stato attuale tra rinnegati e infortunati storici, anche un buon Tuta (ve lo ricordate?) potrebbe ambire a vestire il verdeoro…

@barbadilloit

Di Claudio André Taffarel

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>