0

Il Raccattapalle. Milos Raonic il Nero Wolfe del tennis mondiale

Pubblicato il 6 dicembre 2013 da Michele Fronterrè
Categorie : Il raccattapalle Sport/identità/passioni

milos raonicGeograficamente è il Nero Wolfe del tennis mondiale. Con il personaggio di Rex Stout, Milos Raonic, classe 90, ha in comune, infatti, le origini montenegrine. Trasferitosi in Canada sin da piccolo, Milos Raonic è tennisticamente un mistero degno del più grasso investigatore d’America. Come fa uno spilungone sgraziato e dalle movenze così antiatletiche a essere tra i primi dieci tennisti al mondo? La risposta ci porterebbe lontano rispetto a questo breve ritratto e ha radici nel male oscuro del tennis moderno che ha smarrito la grazia e l’estro, le sue peculiarità fino alla fine degli anni 80.

Assistere a una partita di Raonic, indipendentemente dal suo avversario, è un castigo per gli spettatori. Dotato di un servizio che raramente scende al di sotto dei 200 km/h, Raonic allunga le sue partite fino al tie break che, per fortuna di tutti, è l’eutanasia dei set che, altrimenti, non terminerebbero mai. Fuori dal servizio, Raonic è dotato di un buon diritto e di un modesto rovescio a due mani e, infatti, quando non è supportato dal servizio, o nei giochi di risposta, non è quasi mai pericoloso.

Difficilmente gli abbiamo visto giocare la volee, arte quella del gioco di volo ormai in realtà sempre più rara tra i giocatori del circuito. Circuito, quello del tennis mondiale moderno, che assegnando la stragrande dei punti su superfici veloci o velocissime, favorisce il servizio rispetto a tutti gli altri colpi e a qualunque strategia di gioco.  Raonic, figlio del suo tempo, diventa il modello in negativo di uno sport che non si vuole bene e che deriva verso la wrestlinghizzazione.

Da poco Raonic si affida alle cure di quella volpe del circuito che è Ivan Ljubičić. Ljubo lo porterà ancora in alto in classifica ma Raonic, sono sicuro, non sarà mai numero 1.

@barbadilloit

Di Michele Fronterrè

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>