0

Destre. Marine pensa in grande: un gruppo sovranista con Fpö Vlaams Belang e Lega

Pubblicato il 29 ottobre 2013 da Redazione
Categorie : Esteri Politica

marine_le_pen_Stare su nei sondaggi di gradimento al Front National non basta. Per questo motivo in questi giorni è stato presentato il progetto della coalizione “eurocritica” che verrà. A Strasburgo infatti è avvenuta la presentazione del gruppo che vede uniti appunto il Front National di Marine Le Pen, l’Fpö austriaco, il partito belga Vlaams Belang e con tutta probabilità anche la Lega Nord. L’obiettivo, ambizioso, è quello di formare un gruppo parlamentare con una piattaforma politica comune in termini di crisi economica, immigrazione, e disoccupazione. Opinione diffusa tra queste forze, infatti, è che il dibattito sulla crisi vada esportato necessariamente all’interno di un contenitore che interloquisca direttamente con l’Europa su cui si manifesta tanto scetticismo: per fare questo occorre portare la protesta nazionale all’interno dell’europarlamento.

Marine Le Pen tutto questo lo ha rilanciato chiaramente: «C’è stato un furto di sovranità e gli unici che vogliono restituire questa sovranità ai popoli sono i patrioti europei». «Abbiamo la speranza di creare un gruppo al Parlamento Ue», ha aggiunto Le Pen, «lo status di “non iscritti” è da mezzi deputati, avere un gruppo ci dona i mezzi per agire in maniera più efficace». Nel suo discorso è tornato poi il tema dell’Europa federale: «I nostri paesi hanno fatto molto meglio in passato, e saranno in grado di fare anche meglio in futuro, solo lavorando fianco a fianco, ma liberamente. Bisogna restituire agli stati la loro sovranità, vale a dire la libertà di decidere del proprio destino come credono».

Se l’ipotesi del gruppo nasce dall’iniziativa di tre forze politiche, la volontà è quella di allargarsi includendo anche la Lega Nord italiana, i Democratici Svedesi e il Partito della Libertà olandese. Forze che in questi anni hanno condiviso alcune battaglie ma che non hanno rappresentato un blocco unico (esistono due gruppi Alleanza Europea per la Libertà e Gruppo Europa per la libertà e la democrazia) anche perché, nell’ultima legislatura, diversi errori e incomprensioni – vedi anche l’implosione dell’esperienza del gruppo Identità Tradizione Sovranità – hanno frammentato l’opposizione “nazionale” all’Ue.

Obiettivo nell’obiettivo sarà allora quello di trovare una sintesi tra movimenti che, in ogni caso, non nascondono di mettere al primo punto l’interesse nazionale; così come un’evoluzione dei programmi (come sta facendo il Fn in economia e in geopolitica) che vada oltre la mera contestazione. La crisi economica – che si manifesta ormai trasversalmente – ha suscitato insomma in tutti questi soggetti la consapevolezza che sarà a Bruxelles che si giocherà una partita che interesserà tutti. Per questo motivo, secondo Le Pen e soci, è necessario portare l’affermazione dai rispettivi parlamenti a livello europeo, dove sono necessari 25 deputati eletti in almeno un quarto degli Stati membri dell’Unione Europea per la formazione del gruppo.

Di Redazione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *