0

Calcio. C’è qualcosa di tragico e moderno nella disperazione di Antonio Conte a Firenze

Pubblicato il 22 ottobre 2013 da Leonardo Petrocelli
Categorie : Sport/identità/passioni

Conte-disperato-FioJuve-4-2C’è qualcosa di fanaticamente tragico nell’espressione di Antonio Conte con le lacrime agli occhi di fronte alla straripante remuntada viola. Il tecnico bianconero è l’uomo della ferocia muscolare, della fame inestinguibile, del sangue agli occhi, delle partite alla morte. Sempre e comunque, anche dopo due anni di trionfi. Le sue squadre, ormai lo sappiamo, non vincono per sovrana superiorità, per calmo e sapiente dominio del campo, ma perché lasciano il sangue su ogni filo d’erba come se non ci fosse un domani. Nel Conte pensiero l’asticella non è mai all’altezza giusta, bisogna alzarla tutte le volte un po’ più in alto e ogni fibra, mentale e muscolare, deve tendersi in avanti, senza conoscere equilibri né appagamenti. La sconfitta – orrore, orrore – non è una opzione contemplata, chi osa sedersi è un traditore della causa e della patria.

E così, quando, a venti minuti dalla fine di una partita campale (ma non troppo), il giocattolo si rompe e l’incantesimo pure, permettendo agli avversari di ribaltare la situazione, al nostro non rimane che deformarsi in uno sguardo di dolore e lasciare affiorare le lacrime. In fondo, chi non conosce misura non sa piegarsi con serena disciplina al destino infausto, ma solo passare dalla gloria al tracollo. Dagli sfottò beffardi alla curva avversaria al pianto bambinesco. Non serve un grecista per capire che quello di Conte è un peccato di hybris, cioè di smodatezza, di “dismisura”, una colpa imperdonabile che nel mondo antico lo avrebbe reso uomo detestabile agli occhi degli dei e della polis. Oggi, invece, la colpa è divenuta merito nonché indice di tempra e carattere. Lo spirito fanatico di Conte è, in piccolo, proprio quello dell’intero sistema nel quale siamo immersi, è il motore del famoso treno sparato a mille all’ora contro il muro della Storia nella fiera certezza che il freno sia un orpello inutile o una roba da codardi.

Avanti, dunque, Conte e tutti noi. Con una leggera differenza. La Juve l’anno prossimo cambierà allenatore perché i giocatori, giustamente, non ne possono più e chiedono che qualcuno tiri quella maledetta leva del freno. E saranno accontentati. Noi no.

@barbadilloit

Di Leonardo Petrocelli

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>