0

La lettera. Se il politico ritorna ad essere coraggioso per il bene comune

Pubblicato il 5 ottobre 2013 da Serena Leo
Categorie : La Destra riparte da...

ballaDal nazionale al locale, la crisi di un partito nasce nel momento in cui si smette di credere nei valori che un simbolo o che un partito porta avanti da anni. Da tempo l’arrivismo e la carriera politica che avanza, lasciano dei vuoti di ideali che spengono la passione per ciò che si fa cedendo al “canto della sirena” del potere. Per alcuni è normale ma cosa traspare al cittadino che vota quel simbolo e quella persona? Oltre a sentirsi tradito, il cittadino perde fiducia nelle istituzioni e nella figura di chi ha votato alimentando delle sterili polemiche del “sono tutti uguali” e “non serve andare a votare”. Niente di più sbagliato! Votare è lo strumento che i  cittadini hanno a disposizione. È il più nobile strumento che ci permette di esprimere una cultura e un’idea nella quale si crede. Niente di più bello, fino a quando il voto diventa mezzo di scambio per permettere giochi e manovre dal poco chiaro fine.

Chi tende a paragonare il partito come un albergo, dove soggiornare solo per racimolare voti ed ottenere qualcosa in cambio non deve essere incentivato come “eroe” ma deve chiarire i perché, non è condannabile il principio ma il fine.

Nel caso in cui vengano meno i presupposti si fa presto a voler cambiare casacca e gettare quel simbolo che in campagna elettorale diventa il miglior compagno e supporter. Dire basta a questo sistema sia a destra che a sinistra è importante. Ripartire dalle battaglie primordiali e credere fermamente nella politica volta al bene comune, del proprio comune e del Paese è d’obbligo per chi ogni giorno spende il suo tempo e il suo nome in modo pulito, per far si che ci si possa riproporre o proporre con nuove battaglie a sostegno del cittadino, potendo rimediare dove possibile e accettando i propri limiti.

L’uomo politico spesso viene visto come un soggetto vanitoso e senza sentimenti ma c’è da dire che esponendosi in prima persona è importante garantire, giocandosi l’onore e la faccia senza potersi infangare le mani ma consumarle per nobili fini, credendo in qualcosa. È questo ciò che manca al giorno d’oggi, all’epoca dei finti politici truffatori, degli arrivisti e ai saltimbanco di simboli.

Dare e mantenere l’immagine della politica pulita e raffinata è l’unica missione che chi la pratica ha. Lo insegna la preghiera del politico onesto: “Donami il tuo coraggio, Signore, per mettermi al servizio dei fratelli. Anche oggi. Anche domani. Fino a quando tu vorrai.”

Di Serena Leo

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>