1

Cinema. “Noi Zagor” il docu-evento su uno degli eroi più amati del fumetto italiano

Pubblicato il 5 ottobre 2013 da Santi Cautela
Categorie : Cinema

noi zagorOttobre è decisamente il mese della Sergio Bonelli che si prepara alla nuova stagione fumettistica ricevendo un omaggio cinematografico: il docu-evento “Noi, Zagor” scritto e diretto da Riccardo Jacopino, dedicato all’eroe tutto muscoli ed etica, fra i più amati del fumetto italiano. Sarà nelle sale italiane solo per due giorni, il 22 e 23 ottobre, distribuito da Microcinema in circa 200 copie. Il film è stato prodotto da Arcobaleno Segnali di Senso in collaborazione con Sergio Bonelli Editore e Microcinema. Ottobre, dicevamo, vedrà la presenza della Sergio Bonelli in numerosi stand in giro per lo stivale, a testimoniare il proprio patrimonio editoriale in sostanziale rinnovamento. Tra il Romics di Roma e il Lucca Comics toscano, il 16 ottobre verrà presentato il nuovo fumetto a colori: Orfani. Zagor, recentemente presentato da Gazzetta dello Sport e Repubblica, con le ristampe dei grandi classici da collezione, l’eroe in maglietta rossa con, sul petto, un cerchio giallo con dentro l’Uccello del Tuono, è stato ideato da Sergio Bonelli stesso (alias Guido Nolitta) e Gallieno Ferri nel 1961. Bizzarra la storia di questo personaggio che abita con l’amico Cico nell’immaginaria foresta di Darkwood, nel selvaggio West degli Stati Uniti dell’Ottocento, in una capanna difesa da sabbie mobili e paludi. Patrick Wilding (questo il suo vero nome), figlio di un ufficiale dell’esercito ritiratosi a vivere da pioniere nei boschi del Nord-Est, vede morire i genitori per mano di una banda di indiani Abenaki, guidati da Salomon Kinsky.

Wandering Fitzy, un bizzarro filosofo vagabondo, lo accoglie e gli fa da maestro. Il ragazzo vuole solo vendicarsi degli indiani, ma scopre dopo un po’ che il padre era stato a sua volta un loro massacratore e comprende che il bene e il male non sono così facili da decifrare. Diventa così Za-gor-te-nay “lo spirito con la scure” o, più brevemente, Zagor, un eroe pronto a schierarsi con gli oppressi, di qualsiasi colore essi siano. Gli indiani se lo fanno amico perché lo credono uno spirito immortale, i bianchi invece lo rispettano visto i cazzotti e la fama che lo precedono. Si calcola che in Italia siano, a tutt’oggi, ottantamila i fan di Zagor, senza contare quelli di Brasile, Croazia, Serbia, Spagna e Turchia dove il testo è stato tradotto e venduto regolarmente. Questo film viene presentato a pochi giorni dalla scomparsa di un grande amico della Sergio Bonelli Editore, Giuliano Gemma, che negli anni 70’ aveva interpretato Tex Willer nel celebre film omaggio al personaggio dei fumetti italiani, anch’esso molto apprezzato all’estero. Dopo Dylan Dog il film, qualche anno fa, e il “Della morte dell’amore” con protagonista l’attore che fu l’iconografia di Dylan per Tiziano Sclavi, Rupert Everett, nei primissimi anni 90’, e dopo appunto il film con Giuliano Gemma su Tex Willer arriva sul grande schermo un altro grande cult del fumetto tricolore che rende un giusto tributo alla fortunata serie di Zagor. Non parliamo più di un fenomeno d’etichetta, come lo definirebbe qualche sociologo snob e snobbato, il fumetto all’italiana continua a superare mode, crisi e difficoltà. Per chi avesse dubbi basta chiedere al premier Enrico Letta, fresco di fiducia, che qualche tempo fa ha confermato di essere un grande lettore dell’Indagatore dell’Incubo Dylan Dog. Altro che fantapolitica, il fumetto italico è roba seria.

@barbadilloit

 

 

Di Santi Cautela

Una risposta a Cinema. “Noi Zagor” il docu-evento su uno degli eroi più amati del fumetto italiano

  1. đến quảng ngãi rồi

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>