3

AnimalPolitik. Gattini contro sardine. Quando i ‘buoni’ (contro la Lega) non sanno che pesci prendere

Pubblicato il 21 Novembre 2019 da fma
Categorie : Scritti

Parte la controffensiva alle sardine: il leader del Carraccio manda in campo i gattini. O meglio, i “gattini con Salvini”. Una vecchia invenzione partorita dalla Bestia e pensata per riderci su. Scherzando scherzando, al momento debito è però tornata utile in termini di propaganda per arginare la diffusione in rete di un fenomeno che da piazza Maggiore sta dilagando in tutta Italia. Un “micetto puccioso”, dunque, che fa scorpacciate ittiche.

Eccolo: un meme semplice, leggero, ma efficace. Come ha notato il politologo presso l’università di Perugia, Alessandro Campi: “A brigante, brigante e mezzo. Chi gioca con i mezzi della comunicazione digitale, pensando di fare la rivoluzione a colpi di post e flash mob, poi si espone a simili (peraltro divertenti) rappresaglie. Alle sardine anti-salviniane hanno già risposto i gattini salviniani. E la partita politica, semmai iniziata, può dirsi già virtualmente conclusa”.

La verità è che la parola sardine si espone già tantissimo al contropiede della satira. E non basta la svolta ittica del popolo antisalviniano per costruire una narrazione che difficilmente può riprodursi nei termini di un programma. Dai girotondi al popolo viola, la pancia della sinistra non è riuscita a produrre nulla di duraturo. Appunto perché l’anti può servire a nutrire l’odio (contro Craxi, Berlusconi, Almirante, Cossiga e via dicendo), ma non a erigere proposte.

Ben venga dunque la mobilitazione delle sardine.  Finché c’è la partecipazione delle agorà c’è politica. L’anomalia sta in altro (e non solo nel nome). Quando un popolo – che già è rappresentato da un maggioranza parlamentare che esprime a sua volta un esecutivo legittimo (il giallorosso con dentro Pd, M5s, Leu e Iv) – si scaglia contro una forza di opposizione, e lo fa dalla piazza, vuole dire che la dialettica democratica è in forte avaria. Una roba, cioè, che manco i talebani. Inutile ricordare che a chi non vuole Salvini premier, o non vuole i suoi uomini e donne a capo dell’Emilia-Romagna e della Calabria, basta non votare il Carroccio e i suoi alleati. Ecco arginato il presunto pericolo. Punto.

Di fma

3 Responses to AnimalPolitik. Gattini contro sardine. Quando i ‘buoni’ (contro la Lega) non sanno che pesci prendere

  1. Bisogna saper perdere, ma la sinistra é incapace di farlo, vuol sempre e solo vincere per mantenere saldo il potere, che in Italia detiene ormai da un cinquantennio, avendo occupato burocrazia, televisione di Stato, scuola e università. Fra le tre teorie politiche, il Comunismo é la più menzognera di esse, e pur avendo cambiato pelle dopo la Caduta del Muro, e divenuto Liberalprogressismo, continua a mentire e prendere in giro le masse, inventandosi emergenze che non esistono, come razzismo, antisemitismo, riscaldamento globale, ecc., o addirittura il pericolo di una nuova rivoluzione fascista come quella del 1922, anche allo scopo di mascherare i veri problemi, come la crisi economico-finanziaria che dura da 12 anni e che sembra non voler più terminare.

  2. Storia vista e rivista, per lo più sono militanti del Pd o contigui ad esso, che si travestono da movimento spontaneo per alti ideali (quelli del Pd), fintamente apartitico.
    Girotondini,popolo viola, popolo delle lenzuola,sardine, etc…different names, same shit.

  3. Sì, ma la Lega non acquista certo credibilità con le scarpe ed i cioccolatini esibiti al Parlamento europeo o il sindaco di Biella (non di un comune di mille abitanti) che si fa impallinare come un tordo sull’affaire Segre e poi se ne esce con: ‘che stupido sono stato!’

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *