4

Il punto. Contro la moda effimera (lanciata da Repubblica) degli striscioni per Regeni

Pubblicato il 24 Giugno 2019 da Andrea Cascioli
Categorie : Politica

La rimozione dello striscione per Regeni dal balcone della Regione Friuli

Repubblica sta documentando il fatto che in diversi comuni, per motivi vari, stiano togliendo dalle facciate di municipi e amministrazioni locali gli striscioni verità per Regeni.
Ora, a monte di tutti i giudizi etici e non etici vorrei partire da un presupposto: la campagna di Amnesty International (e Repubblica) è cominciata a febbraio 2016, quindi tre anni e mezzo fa. Ammettiamo pure che tre anni siano pochi, diciamo che queste strisce di pvc giallo debbano restare dove sono per più tempo. Vorrei capire esattamente se c’è un “quanto”. Se a Repubblica pensano che tra tot anni (dieci anni? Vent’anni? Cinquant’anni? Cento?) sarà lecito ritenere, senza incorrere in anatemi e condanne morali, che il comune di Vergate sul Membro abbia dato un contributo sufficiente alla campagna – in sé meritoria, ci mancherebbe – ed esercitato sul governo egiziano tutta la pressione politica che poteva fare.

A margine di tutto questo: da quando nel nostro ordinamento esistono i comuni c’è un metodo più che dignitoso per onorare la memoria di personalità ormai decedute ed è l’intitolazione di targhe, sale, vie, piazze, scuole, giardini, istituti scolastici. Ci sono per esempio le pietre d’inciampo che sono un bel modo per ricordare i deportati nei lager.

Questa moda degli striscioni sulle finestre dei municipi (per giunta col logo di un’associazione in bella vista) non rientra nella stessa categoria, ed è invece parente stretta dell’attitudine di chi nei pubblici uffici ha preso a mettere e togliere bandiere di Paesi stranieri o di nazioni senza Stato, levare il ritratto del presidente della Repubblica, appendere il calendario del duce o di Che Guevara e avanti andare.

Per quanto mi riguarda nell’ufficio di un funzionario pubblico non dovrebbe starci neanche la foto dei suoi figli. Già che si parla spesso di senso dello Stato ricominciamo a stabilire la giusta distanza tra le istituzioni e le copertine di Facebook.

@barbadilloit

Di Andrea Cascioli

4 Responses to Il punto. Contro la moda effimera (lanciata da Repubblica) degli striscioni per Regeni

  1. Completamente d’accordo! La moda degli “striscioni a Palazzo” rappresenta solamente il tentativo (ormai inflazionato e banalizzato) di acquistare notorietà da parte di Sindaci o forze politiche. Attraverso la toponomastica le amministrazioni possono preservare e onorare le memorie, attraverso azioni amministrative (benché in modo assai limitato) possono contribuire alla ricerca della verità.
    Questi striscioni sembrano una via di mezzo tra un fallo di frustrazione dovuto all’impotenza, un tentativo di pulirsi la coscienza e, ripeto, assomigliano molto ad uno sciacallaggio fatto su drammi reali per acquistare notorietà a costo zero.
    In realtà il tricolore dovrebbe essere in se il simbolo della difesa dei cittadini italiani ovvero del suo popolo, della sua storia, delle sue battaglie e del suo ricordo. E rispettare la bandiera significa onorare ogni giorno tutto i Giulio Regeni d’Italia

  2. Ancora una volta ricordo alla redazione di Barbadillo che non esiste una Regione Friuli bensì Friuli- Venezia Giulia .Tanto che il balcone rappresentato nella foto appartiene al Palazzo della Regione che si trova in Piazza dell’Unità d’Italia a Trieste (capoluogo di Regione e della Venezia Giulia).

  3. Ma Regeni l’aveva forse mandato la Repubblica Italiana a fare il ficcanaso in Egitto?

  4. Articolo condivisibile. Circa la questione specifica di Regeni: come afferma Gabriele Adinolfi, restano da chiarire i rapporti tra il suddetto Regeni e i servizi segreti inglesi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *