0

Mondiali. La Via del Piede Sinistro: se Maradona è (ancora) meglio ‘e Pelé

Pubblicato il 29 giugno 2018 da gv
Categorie : Pallone mon amour Sport/identità/passioni

Maradona è meglio ‘e Pelé. Altrimenti non si spiega perché ogni suo atto finisca immancabilmente dritto in prima pagina.  Perché Pelé è stato il primo, Maradona il definitivo.

Maradona è meglio ‘e Pelé. Non potrebbe essere diversamente, dato che in Messico smise d’essere uomo per farsi Barrilete Cosmico, l’Aquilone Spaziale che umiliò (postume) le corazzate di Maggie Thatcher.

Maradona è meglio ‘e Pelé. Perché è caduto, s’è rialzato. Perché ha giocato, ha vinto e ha perso. Perché fuori dal campo non s’è mai trovato a suo agio. Perché odia la vecchiaia, baratterebbe ogni suo dollaro pur di tornare a sporcarsi in campo.

Maradona è meglio ‘e Pelé. Perché non è una figurina da esibire, placida e benevolente, in tribuna vip. Si sbraccia, si agita, fa gestacci. Come ogni tifoso, su ogni campo del campo.

Maradona è meglio ‘e Pelé. Perché nella zuppa retorica dei buoni sentimenti è l’unico che squarcia il velo dell’ipocrisia pallonara che nasconde malefatte e furbate dei potenti.

 

Maradona è meglio ‘e Pelé. Perché lui è un simbolo e ci costringe a pensare a qual pietoso rapporto con questi siamo giunti, oggi che ci riteniamo i tenutari del migliore dei mondi possibili.

Maradona è meglio ‘e Pelé. Perché mai è stato un esempio, in un mondo che ne chiede, ne pietisce. Che ha confuso la buona educazione con la grandezza.

Maradona è meglio ‘e Pelé. Perché dei suoi vizi tutto si sa e non c’è mica bisogno di fantasticarne gli eccessi. Perché è l’uomo che ha percorso la via della Mano Sinistra, anzi del Piede Sinistro, fino in fondo. Ha raggiunto la grandezza percorrendo la strada del male.

Di gv

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *