2

Mondiali. La Via del Piede Sinistro: se Maradona è (ancora) meglio ‘e Pelé

Pubblicato il 29 giugno 2018 da gv
Categorie : Pallone mon amour Sport/identità/passioni

Maradona è meglio ‘e Pelé. Altrimenti non si spiega perché ogni suo atto finisca immancabilmente dritto in prima pagina.  Perché Pelé è stato il primo, Maradona il definitivo.

Maradona è meglio ‘e Pelé. Non potrebbe essere diversamente, dato che in Messico smise d’essere uomo per farsi Barrilete Cosmico, l’Aquilone Spaziale che umiliò (postume) le corazzate di Maggie Thatcher.

Maradona è meglio ‘e Pelé. Perché è caduto, s’è rialzato. Perché ha giocato, ha vinto e ha perso. Perché fuori dal campo non s’è mai trovato a suo agio. Perché odia la vecchiaia, baratterebbe ogni suo dollaro pur di tornare a sporcarsi in campo.

Maradona è meglio ‘e Pelé. Perché non è una figurina da esibire, placida e benevolente, in tribuna vip. Si sbraccia, si agita, fa gestacci. Come ogni tifoso, su ogni campo del campo.

Maradona è meglio ‘e Pelé. Perché nella zuppa retorica dei buoni sentimenti è l’unico che squarcia il velo dell’ipocrisia pallonara che nasconde malefatte e furbate dei potenti.

 

Maradona è meglio ‘e Pelé. Perché lui è un simbolo e ci costringe a pensare a qual pietoso rapporto con questi siamo giunti, oggi che ci riteniamo i tenutari del migliore dei mondi possibili.

Maradona è meglio ‘e Pelé. Perché mai è stato un esempio, in un mondo che ne chiede, ne pietisce. Che ha confuso la buona educazione con la grandezza.

Maradona è meglio ‘e Pelé. Perché dei suoi vizi tutto si sa e non c’è mica bisogno di fantasticarne gli eccessi. Perché è l’uomo che ha percorso la via della Mano Sinistra, anzi del Piede Sinistro, fino in fondo. Ha raggiunto la grandezza percorrendo la strada del male.

Di gv

2 risposte a Mondiali. La Via del Piede Sinistro: se Maradona è (ancora) meglio ‘e Pelé

  1. Maradona è Maradona con tutti i suoi difetti e le sue esuberanze, bella la metafora della “Via del piede sinistro”, calza a pennello… Del resto una semi-divinità dionisiaca come Diego, può permettersi tutti gli eccessi che vuole, lui ha sempre corso(col pallone e nella vita) sul filo del rasoio… e poi Pelè ha giocato in Brasile, fa il paladino dei buoni sentimenti, sempre corretto e tutto il resto, come fa a stare simpatico un personaggio così grigio? Meglio di lui l’irriverente funambolo Sivori (un precursore di Maradona in fondo), meglio il nostro elegante e raffinato ballerino Rivera che mai si sporcò una divisa, senza contare il completissimo Di Stefano, o il “Pelè bianco” Cruijff, e non mi spingo oltre perchè poi il calcio è troppo cambiato ed i paragoni diventano ingestibili, ma comunque il più grande rimarrà sempre El Pibe de Oro…

  2. Maradona è sempre e in tutto il peggio del peggio. Ridicolo, patetico, un guitto penoso. Ma in un mondo idiota, truzzo, cafone è giusto che abbia il suo spazio…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *