7

Politica. Lega e Fdi davanti al passaggio cruciale dalla protesta alla proposta

Pubblicato il 22 ottobre 2014 da Augusto Grandi
Categorie : Politica

giorgia-meloniDi fronte alle truffe da magliaro del burattino (gli 80 euro promessi alle neomamme e scippati ai neononni, la violazione del codice del contribuente con aumenti retroattivi delle aliquote su fondi pensione e Irap), gli slogan contro l’invasione di clandestini restano validi ma non bastano più.

Serve altro, serve un salto di qualità. Serve una proposta vera e credibile relativa al lavoro, al sistema sociale, al sistema pensionistico. Serve un programma credibile, e realizzabile, per la politica estera e per quella industriale. Anche a costo di scontentare qualcuno che si accontenta della protesta ma non riesce ad arrivare ad una proposta. In Italia, contrariamente a quanto si può pensare, non mancano pensatori intelligenti e proposte serie. Pensatori che il burattino considera gufi, proposte che per il nullista toscano rappresentano provocazioni passatiste. E che invece sarebbero vincenti se qualche politico e se qualche movimento avessero la capacità di ascoltare, di studiare, di approfondire. In realtà qualcuno comincia ad accorgersene. Meloni si è innamorata dell’economista e sociologo Ricolfi che sta sfornando proposte intelligenti a raffica. Ma le sfornava anche prima, inascoltato, forse perchè il libro “Il sacco del Nord” non piaceva alla Garbatella. E Salvini, guidato finalmente da un consigliere competente ed intelligente, conosce realtà come il think tank Nodo di Gordio che si occupa di questioni internazionali ad alto livello. Occorre, però, che tutte le competenze vengano messe in rete, che non restino isolate. Non importa se su alcuni temi le posizioni restano e resteranno distanti.

Il contributo di idee resta comunque fondamentale. Lo ricordava recentemente Barbadillo, a proposito della necessità di proposte sullo stato sociale, sul lavoro. Perché non utilizzare le competenze della Fondazione Ugo Spirito? E quelle di Polaris? Perché non promuovere momenti di incontro tra tutte le intelligenze alternative al nulla del burattino?

Non si può permettere che il futuro dell’Italia dipenda dall’esibizione delle renzine alla Leopolda. Dalla sfilata dei foraggiatori e padroni del burattino. Mentre, sul fronte opposto, non si va al di là dei cortei di protesta perché i soldi servono per i volantini e non ci sono per i libri e per mettere a confronto le idee. Mettere in rete le eccellenze dopo aver monitorato quali sono, dove sono, di cosa si occupano. Lasciando a casa i malmostosi, i professionisti del “sì, però”, gli invidiosi delle capacità altrui. Si perderà per strada qualche presuntuoso, qualche arrogante, qualcuno convinto di valere anche se non vale nulla. Pazienza. Si aggregheranno persone diverse, quelle capaci ma sottovalutate, quelle con professionalità ignorate perché fuori dai giochi. E si inizierà, finalmente, un percorso per creare una nuova classe dirigente. Non per qualche partito, ma per il Paese.

 @barbadilloit

Di Augusto Grandi

7 risposte a Politica. Lega e Fdi davanti al passaggio cruciale dalla protesta alla proposta

  1. non vorrei apparire malmostoso, presuntuoso ecc. ma solo ricordare all’estensore che la Lega è stata al governo, dimostrando di accettare qualsiasi cosa pur di accomodarsi nella greppia.
    Non so se tanta speranza è ben riposta.

  2. la lega la conosciamo già ma i cosiddetti fratelli d’Italia, fratelli!!!! ma fatemi il piacere andate a risentire la Viviana Beccalossi sulla 7 piazza pulita del 20 ott e questa rappresenta l’eredità storico culturale del MSI? ma questa mangia con la sinistra non sa nemmeno dove si trovi la DESTRA
    VOLETE SOLTANTO I VOTI DI QUEI POVERI FESSI CHE ANCORA HANNO FEDE IN UN IDEALE CHE AVETE GIA TRADITO E CONTINUERETE A TRADIRE

  3. gildo…d’accordissimo sulla Beccalossi.Avevo già postato un commento sulla manifestazione di RC in cui rimarcavo l’intervento ‘vergognoso’ della “più bella che intelligente” a ‘pzza pulita':meno male che erano andati proprio a sud a cercare di ‘riprendere’ l’antica ‘comunità’.Fratelli…mettetegli il bavaglio:per voi.

  4. Almeno Fratelli d’Italia porta avanti qualche battaglia

  5. Fratelli d’ italia porta avanti solo proprio comitato d’ affari di riciclati, trombati e sopravvissuti dell’ olocausto postberlusconiano, oggi in netto ribasso, tra gabbiani colleoppini neociellini trombati e i falsi destro sociali di alemanno e company che per anni hanno illuso i pischelli gonzi di tre generazioni. Dal Fdg anni 80′ e’ uscito fuori il peggior trasformismo affaristico, oltreche’ la peggiore antropologia anti-fascista per obiettivi, comportamenti, e risultati ottenuti ….
    Questi personaggi non hanno piu’ un passato, non avranno alcun domani, in compenso gli appartiene un presente mediocre, plebeo di indagati di serie b.

  6. dextrus le uniche battaglie servono a berlusconi non all’Italia ne tanto meno agli Italiani

  7. Fratelli d’Italia, cugini d’Arcore, nipoti di Craxi. Rosiconi, pure Renzi vi ha sorpassati a destra.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>