0

Cinema. Addio a Lilli Carati, la “professoressa di scienze naturali” più desiderata d’Italia

Pubblicato il 21 ottobre 2014 da Liam Brady
Categorie : Cinema

caratiAddio a Lilli Carati: insieme a Gloria Guida era icona di un’Italia teneramente trasgressiva che non ritorna più. È morta nella notte fra ieri e oggi la nota attrice, fra le protagoniste del genere sexy nel cinema italiano degli anni 70.

All’anagrafe Ileana Caravati, era malata da tempo e si è spenta a Varese, dove era nata il 23 settembre del 1956.

Fra i suoi film si distinguono per levatura «La fine del mondo nel nostro solito letto in una notte piena di pioggia», diretto da Lina Wertmüller nel 1977, e «Il corpo della ragassa», firmato da Pasquale Festa Campanile nel 1979 (tratto da un libro di Gianni Brera e con il soggetto di Alberto Lattuada).

L’attrice passò nel corso degli anni a ruoli sempre più hard fino ad approdare al vero e proprio cinema porno, scelta motivata dalla necessità di sostenere i costi crescenti della sua tossicodipendenza. La droga la corrose costringendola a trasportare il suo talento in un cinema popolare ma minore come il porno degli anni settanta-ottanta.

Memorabile, oltre alla performance ne “La professoressa di scienze naturali”, è stata la prova nel film “Avere vent’anni”, con Gloria Guida, una pellicola libertaria che le vedeva vagabonde in autostop.

Di Liam Brady

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>