0

Cinema. Addio a Lilli Carati, la “professoressa di scienze naturali” più desiderata d’Italia

Pubblicato il 21 ottobre 2014 da Liam Brady
Categorie : Cinema

caratiAddio a Lilli Carati: insieme a Gloria Guida era icona di un’Italia teneramente trasgressiva che non ritorna più. È morta nella notte fra ieri e oggi la nota attrice, fra le protagoniste del genere sexy nel cinema italiano degli anni 70.

All’anagrafe Ileana Caravati, era malata da tempo e si è spenta a Varese, dove era nata il 23 settembre del 1956.

Fra i suoi film si distinguono per levatura «La fine del mondo nel nostro solito letto in una notte piena di pioggia», diretto da Lina Wertmüller nel 1977, e «Il corpo della ragassa», firmato da Pasquale Festa Campanile nel 1979 (tratto da un libro di Gianni Brera e con il soggetto di Alberto Lattuada).

L’attrice passò nel corso degli anni a ruoli sempre più hard fino ad approdare al vero e proprio cinema porno, scelta motivata dalla necessità di sostenere i costi crescenti della sua tossicodipendenza. La droga la corrose costringendola a trasportare il suo talento in un cinema popolare ma minore come il porno degli anni settanta-ottanta.

Memorabile, oltre alla performance ne “La professoressa di scienze naturali”, è stata la prova nel film “Avere vent’anni”, con Gloria Guida, una pellicola libertaria che le vedeva vagabonde in autostop.

Di Liam Brady

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *