2

L’intervento. Il corteo della Lega contro Mare Nostrum e il nuovo fronte identitario

Pubblicato il 13 ottobre 2014 da Vincenzo Sofo*
Categorie : Politica

salviniIl corteo promosso dalla Lega Nord contro Mare Nostrum, che si terrà a Milano il prossimo sabato 18 ottobre, non è una manifestazione come le altre. E’ uno spartiacque decisivo nel percorso di costruzione di un fronte identitario come mai era accaduto nel nostro Paese. Da quel lontano giugno del 2013 in cui, proprio da Milano, Matteo Salvini (non ancora segretario federale del Carroccio) e Pietrangelo Buttafuoco lanciavano – durante un convegno organizzato dal circolo Il Talebano – l’idea di un’alleanza trasversale dei movimenti identitari presenti in tutta Italia, è passato ormai un’era politica. Un’era politica nella quale Salvini ha preso le redini di un movimento che in molti (anche all’interno) davano per spacciato e lo ha ricollocato con irruenza al centro del panorama politico nazionale, facendolo diventare il punto di riferimento per tutte le forze di opposizione al sistema.

Che la battaglia identitaria non fosse una boutade elettorale era già dimostrato dal fatto che le sue intenzioni, appunto, erano già emerse quando ancora Salvini leader non era (vedi sopra). Progettualità confermata dal fatto che tale percorso non si è arrestato con la chiusura del periodo elettorale, anzi si è potenziato. Salvini in questi giorni è in Russia a stringere rapporti con Putin e i suoi. Lorenzo Fontana, deputato leghista al Parlamento Europeo, oltre a portare avanti il percorso con il Front National e di tutte le altre delegazioni sovraniste presenti a Bruxelles, ha partecipato alla prima internazionale dei movimenti identitari eurasiatici tenutasi a Vienna e che si ripeterà quest’inverno a Mosca. Il senatore Raffaele Volpi è invece alle prese con l’organizzazione dell’alter-ego della Lega Nord al centrosud, la Lega dei Popoli.

La manifestazione di sabato prossimo sarà dunque un mattone. Un mattone bello grosso per la costituzione della nuova casa stile ‘lepenista’, la grande sfida lanciata da Matteo Salvini; che punta sul successo di questo evento per dare una definitiva prova di forza all’interno di un movimento che presenta ancora alcune sacche di resistenza da parte di qualche dirigente impaurito dalla grande lotta alla nomenklatura politica e finanziaria che strangola l’Europa. Gli elementi per fare del 18 ottobre il punto di partenza di una santa alleanza ci sono tutti, come confermato dalla presenza di molti movimenti e associazioni extra Lega. Un’occasione di riscatto anche per i vari ambienti della destra politica italiana, che si ritrovano per le mani una insperata chance di salvezza, che tuttavia devono stare bene attenti a non sprecare in nome dei personalismi e delle logiche individualiste che avevano affossato ogni speranza di opposizione alla deriva della nostra società.

* direttore de Il Talebano

@barbadilloit

Di Vincenzo Sofo*

2 risposte a L’intervento. Il corteo della Lega contro Mare Nostrum e il nuovo fronte identitario

  1. CONDIVIDO PIENAMENTE. E’ L’ULTIMA OCCASIONE PER CHI AMA L’ITALIA!

  2. Non è l’ultima occasione, ma un’occasione indubbiamente lo è.

    Bisognera’ vedere come gli altri soggetti, e penso a Casapound in primis come al movimento piu’agile e di avanguardia, riuscira’ a far pesare la propria eventuale presenza all’interno di questo Fronte, per non fargli prendere una piega troppo di “destra” come avviene con l’attuale FN francese.Perche’ se dovesse il tentativo di Salvini partorire una nuova AN in salsa padana saremmo al punto di partenza, o forse peggio.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>