1

Il caso. Antifascismo da operetta: giurati Premio Acqui denunciati per ricostituzione Pnf

Pubblicato il 29 settembre 2014 da Gianfranco de Turris
Categorie : Cultura

guzzanti fascisti marteSi può affermare senza per questo venire denunciati per attentato alla Costituzione, apologia di fascismo e lesa resistenza, che certe volte l’antifascismo esasperato raggiunge vertici  patologici tanto da apparire come una vera e propria malattia?

Quello che si sta coscientemente sobillando intorno al Premio Acqui Storia, soprattutto nell’ambito politico piemontese al fine abbastanza evidente di condizionare la situazione,  sembrerebbe dimostrarlo, tanto è vero che le tre giurie del premio (scientifica, divulgativa, narrativa) sono state costrette ad emettere un comunicato congiunto, firmato a nome di tutte dal professor Aldo A. Mola, per respingere insinuazioni e accuse nei loro confronti. Tutte false ovviamente, come quella di una specie di “voto io scambio” per cui chi avesse vinto un premio poi sarebbe stato cooptato da una giuria. Una menzogna come tutti possono constatare confrontando i nomi di vincitori e giurati. Tutte queste assurdità nascono semplicemente dal fatto che non è immaginabile, pensabile, accettabile da parte ella intellighenzia dominante che un prestigioso premio con il modificarsi della situazione amministrativa locale  sia stato sottratto al controllo del Pensiero Unico della sinistra.

Ma c’è di peggio. Un signore di Prato ha denunciato alla procura di Torino gli organizzatori e i giurati del premio per quanto sopra paventavo, vale a dire “ricostituzione del partito fascista, apologia di fascismo e truffa ai danni degli italiani” in quanto avrebbero premiato “libri e personaggi di dichiarata fede neofascista”. Lo prova il fatto che hanno vinto libri che “parlano male dei Fratelli Cervi e parlano bene di Curzio Malaparte, noto fascista e arrivista della prima ora”. Ed ecco, signori e signore, quelli che vengono definiti “neofascisti di provata fede”. Proprio così: di provata fede! “Dario Fertilio, Gianpaolo Pansa, Pierfrancesco Pingitore e Maurizio Serra”. Risum teneatis. Ma forse ci sarebbe da piangere. Basterebbe questo per gettare nel ridicolo ogni pretesa accusatoria e far perdere ogni credibilità ai suoi promotori. Un giornalista liberale presidente dei Comitati per la Libertà; l’ex condirettore de L’Espresso e di La Repubblica; uno dei fondatori del famoso cabaret “Il Bagaglino”; un ambasciatore, i cui saggi sono apprezzati dal presidente Napolitano,che egregiamente ci rappresenta all’UNESCO. Queste accuse sì che meriterebbero una querela per diffamazione!

Troppo antifascismo esasperato e illogico può dare alla testa e diventare un male incurabile per l’Italia.

@barbadilloit

                                  

Di Gianfranco de Turris

Una risposta a Il caso. Antifascismo da operetta: giurati Premio Acqui denunciati per ricostituzione Pnf

  1. Quel che è più tragico (o risibile ?) e che i ‘critici’ del Premio NON sanno con esattezza quel che accadde alla Divisione Acqui -cui si ispira il Premio- nel 1943 e raccontano un’incredibile serie di falsità tali da far accaponare la pelle.
    Egregi signori ‘critici’ tutti abbiamo il diritto di dire sciocchezze ma VOI state esagerando !
    Ve lo dice uno che è Orfano di un Martire di Cefalonia da….71 anni !
    Fatela finita per favore !
    avv. Massimo Filippini
    Figlio del magg. Federico Filippini fucilato dai tedeschi a Cefalonia il 25/9/1943

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>