2

Lavoro. La destra smemorata (e reazionaria) che dà ragione a Vendola

Pubblicato il 22 settembre 2014 da ​​​​​​​Mario Bozzi Sentieri ​​​
Categorie : Scritti

lavoroOgnuno è evidentemente “figlio” della destra che più gli aggrada, visto l’ampio catalogo delle “destre”, su cui da decenni si lambiccano storici e politologi. Importante però, almeno chi certe sensibilità ancora li possiede, è non cadere vittima delle manipolazioni ideologiche dell’avversario o, peggio ancora, assecondarle.

E’ quando sta accadendo, in questi giorni, sui temi del lavoro.

Quando Angelino Alfano e l’NCD chiedono a gran voce l’abrogazione, per tutti coloro che, oggi, ne hanno ancora diritto, delle tutele contenute nell’ art. 18 sulla reintegrazione del lavoratore in caso di licenziamento, l’impressione è che si voglia dare ragione a Nichi Vendola e alla sua idea di una destra reazionaria e un po’ becera, schierata, “a priori”, contro i diritti dei lavoratori, compresi quelli acquisiti, come previsto nell’ art. 18.

La materia è troppo delicata per diventare motivo del contendere politico, dentro e fuori gli schieramenti, tra Renzi che vuole “rottamare” la Cgil e la Camusso impegnata a difendere il proprio orticello , tra l’ala di sinistra del Pd mobilitata a dimostrare la propria esistenza in vita ed il decisionismo del Segretario-Presidente del Consiglio, tra un centrodestra in affanno, che sostiene il governo (NCD) ed un centrodestra formalmente d’opposizione (FI) pronto a fare la stampella dell’attuale maggioranza, perdendo tutti di vista la questione in sé e gli interessi reali di quanti con certe tutele o non-tutele devono poi farci i conti veramente.

Sul piano dei principi e della memoria storica non ci sentiamo però di “regalare” alla sinistra la tutela dei lavoratori.

Al di là di certe amnesie e di certe interpretazioni strumentali, la destra politica italiana ha nel suo codice genetico un patrimonio di idee e di valori che appartengono alla storia dell’emancipazione sociale del ‘900, mentre termini quali collaborazione, partecipazione, codecisione, cogestione, sono i “segni” di un coerente percorso dottrinario, ricco di intuizioni e di elaborazioni, spesso non ancora sufficientemente valutate, che nulla ha a che fare con la conflittualità di classe (tipica del massimalismo di sinistra) o con certe estremizzazioni iper-liberiste.

E’ la Storia di una destra che rifiutava l’idea dell’anticomunismo come repressione e non-giustizia sociale e non accettava l’etichetta reazionaria e capitalistica – come spesso ricordava Giorgio Almirante.

E’ la Storia di una destra che guardava al mondo del lavoro, condividendo con la Cisnal, storico sindacato di riferimento, la proposta partecipativa, fondata sulla cogestione delle aziende, mediante l’inserimento di rappresentanti dei lavoratori nel consiglio di amministrazione delle imprese.

E’ la Storia di una destra che sbandierava l’idea della Nazione Sociale.

E’ la Storia di una destra che, nel 1985, in occasione del referendum sull’abrogazione della norma che comportava il taglio della scala mobilie, non aveva paura di schierarsi sul fronte del “sì”, capitanato dal Partito Comunista che quel referendum aveva promosso.

Smarrire queste coordinate, storiche e spirituali, significa perdere di vista non solo il senso di una generica appartenenza quanto soprattutto la visione strategica di certe scelte, riducendo tutto a mero pragmatismo: un errore imperdonabile per chi dichiara di riconoscersi in una tradizione sociale, ivi compresa quella della Dottrina cattolica, ed un bel regalo alla sinistra, che, sui temi del lavoro e della socialità, molto ha da fare perdonarsi, avendo sbagliato tutto.

 @barbadilloit

 

Di ​​​​​​​Mario Bozzi Sentieri ​​​

2 risposte a Lavoro. La destra smemorata (e reazionaria) che dà ragione a Vendola

  1. Se Angelino Alfano e NCD sono /rappresentano la “destra” non mi resta che vergognarmi.

  2. la storia, appassionante e poco studiata, della cosiddetta «Manchester d’Italia». Parliamo della città di Terni, sede ancora oggi di importanti stabilimenti siderurgici, dove il fascismo attuò, anche durante la RSI, una efficace politica di tutela dei diritti del lavoratore. Terni, dove la RSI governa legittimamente fino al 13 giugno 1944, vengono elette le commissioni di fabbrica, organi di cogestione della politica degli stabilimenti, che saranno presi a modello dalla CGIL nel dopoguerra per costituire i consigli di gestione.Alla fine del conflitto, il CLNAI avrebbe voluto salvare, defascistizzandolo, il principio della partecipazione operaia alla gestione delle aziende, ma i vincitori della guerra, ossia gli Alleati, non tollerarono nulla che avesse anche soltanto un vago sentore di socialismo; così, tra le primissime iniziative del neonato governo antifascista ci fu l’abrogazione della legge sulla socializzazione
    Maceo Carloni (Mursia, pagg. 366, euro 22)
    Per quanto riguarda alfano mi fa vergognare della parola che usa DESTRA lui!!! Di DESTRA SIAMO PROPRIO RIDOTTI MALE

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>