4

Cinema. I “Fascistelli” come non te li hanno mai raccontati. Sostieni il film con il crowdfunding

Pubblicato il 30 maggio 2014 da Redazione
Categorie : Cinema Cultura

fascistelli“Fascistelli” diventa un film. Il fortunato romanzo “Fascistelli” (Il Cerchio, 2013 – Menzione Speciale Premio Letterario “John Fante”) di Stefano Angelucci Marino sta per trovare la sua “traduzione” cinematografica: anche grazie al crowfounding.

Per questo motivo pubblichiamo la nota ricevuta dalla produzione: le iniziative culturali e cinematografiche fuori dal coro vanno finanziate con strumenti alternativi, come la raccolta di fondi in rete.

“Le riprese sono previste per luglio 2014, l’uscita del film per il mese di ottobre 2014. Produttori del film sono il Teatro del Sangro, la JRSstudio -Foggia di Roberto Moretto (regista, produttore cinematografico e co-sceneggiatore del film “Fascistelli”) e il pubblico pagante. Fascistelli è un film indipendente, per poterlo produrre c’è bisogno di fondi che saranno raccolti dal basso. La raccolta fondi dal basso è il passo fondamentale per la produzione del film. Siamo nelle vostre mani. Per questo abbiamo deciso di aprire il progetto al crowdfunding, ovvero alla raccolta di massa. Sarà quindi possibile contribuire con diverse opzioni, dalla più economica (25,00 € per ricevere il DVD a casa propria) fino alla partecipazione come co-produttore (2.500,00 € con logo e richiamo nei titoli di testa e coda con la dicitura “grazie al contributo di”). “Fascistelli” è un viaggio tragicomico nella provincia abruzzese della prima repubblica. Spassoso, irriverente, politicamente scorretto, sincero. Il protagonista del film, Vittorio Brasile, racconta la sua militanza missina di quegli anni e dal suo sguardo intelligente, divertito, cattivo e corrosivo non si salva nessuno. “Fascistelli” racconta dal di dentro in maniera impietosa – come mai è stato fatto finora – l’ultima generazione (quella dei primi anni ’90) dei ragazzi di provincia che hanno militato nel MSI, riuscendo a farci rivivere i pensieri, le scelte, gli scontri, le contraddizioni, le speranze e le disillusioni di quei tanti giovani che hanno provato a sfidare il mondo facendo politica nell’unico posto dove all’epoca era “proibito” stazionare, a destra”.

Il Cast tecnico del film è composto da: regia Stefano Angelucci Marino e Roberto Moretto, aiuto regia Marco Adabbo, capo reparto/fotografia Sergio Grillo e produzione esecutiva a cura della JRSTUDIO.

Clicca qui per andare al link per sostenere la pellicola.

@barbadilloit

Di Redazione

4 risposte a Cinema. I “Fascistelli” come non te li hanno mai raccontati. Sostieni il film con il crowdfunding

  1. Interessante, ma parte con un errore. Nel 1993 in Abruzzo il Msi, più che maledetto, era semplicemente il partito più votato…. Poi venne Berlusconi.

  2. Poi venne la svolta di fiuggi, dalla quale qualcuno è voluto ripartire ma, fortunatamente, si è ribaltato alla prima curva (europea).

  3. Nel 1993 era maledetto ma vincente, come potrebbe tornare ad esserlo quello che ha superato curve difficili nonostante il fuoco amico

  4. Commenti concordanti che riflettono una analisi sempre più convincente e serena: i venti anni di assenza del Msi non sono stati causati da un vero convincimento, ma da un vigliacco opportunismo.
    Per questo nessuno può accettare che ci si ripresenti l’infame sigla di AN, neanche con il sorrisetto della Meloni.
    La soluzione è facile: non va rifondato il Msi, ma semplicemente ripreso il cammino.
    Il ventennio berlusconiano è stato il nulla ed ha prodotto il vuoto dei Renzi e dei Grillo, mentre il parente ex-povero FN costruiva il suo consenso pietra su pietra.
    Basta cancellare con un tratto di penna gli anni dal 1994 al 2014. Per molti di noi non è solo facile, ma naturale visto che nulla di questi anni merita di essere ricordato. Luciano

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>