0

Foibe. La partigiana dell’Anpi sale in cattedra: l’intervista choc di RadioUno

Pubblicato il 10 febbraio 2014 da Redazione
Categorie : Cronache

Foibe-Giorno-del-Ricordo-2014Il Giorno del Ricordo, in memoria dei martiri delle foibe e degli esuli istriani, anche quest’anno porta con sé uno strascico polemico. Il giornale radio di Rai Radio Uno, nell’edizione delle 8 di lunedì mattina, ha mandato in onda un’intervista molto contestata di Anna Longo alla partigiana Giovanna Stanka Hrovatin. L’intervista, nonostante duri appena un minuto circa, contiene diversi errori: dal numero degli esuli (almeno 250mila, non 25mila), al dato sulla disoccupazione giovanile in Italia (che non è al 46%, ma al 41,6%). Qui la trascrizione dell’audio che è possibile ascoltare sul sito del Gr Rai (minuto 19.19)

C’è stata una catena di ingiustizie, l’occupazione fascista, le persecuzioni titine anche contro chi non c’entrava niente. La lunga indifferenza in Italia per i massacri anche per gli stessi esuli. E oggi, forse, ancora strumentalizzazioni. 

«Secondo me gli eventi vanno inquadrati in un contesto storico, vale a dire in quello del secondo conflitto mondiale. Di cui in questa occasione occasione si evita di parlare. E va detto con chiarezza: chi fu a preparare la guerra, chi aggredì le popolazioni inermi e chi la combattè».

Circa cinquemila le vittime gettate nelle cavità carsiche dette foibe, 25mila gli esuli. Fatti terribili, come vanno ricordati oggi? 

«Non si deve consentire che la negatività del passato incida sul nostro presente, specialmente sulle giovani generazioni per cui il mondo d’oggi che non offre prospettive. In Italia il 46% è senza lavoro, la stessa cosa succede in Slovenia, il 52% in Croazia. Ecco pensiamo soprattutto ad essi e superiamo, anzi, dissidi, incomprensioni del passato. Dobbiamo andare avanti».

@barbadilloit

Di Redazione

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>