0

Caso Hollande. A ruba il Casco del Presidente, la ditta ringrazia: “Abbiamo anche giacche da donna…”

Pubblicato il 26 gennaio 2014 da Beppe Furino
Categorie : Esteri

hollandePiù scandali, meno tasse. La via francese alla soluzione della crisi è tutta nel Casco Presidenziale di monsieur Francois Hollande. A pochi giorni dall’affaire Julie Gayet, le scappatelle notturne del Ragioniere francese hanno fatto schizzare le vendite del Dexter, subito ribattezzato dalla ditta che lo produce e commercializza, la francese Motoblouz.com,  modello ‘President‘. E’ diventato il simbolo di tutto quanto appare impossibile. Un uomo con il fascino di una rapa fritta che conquista il cuore della fanciulla bella e sensibile, desiderata da mezza Francia. Traducendo in italica prosa la poesia d’Oltralpe è come scoprire, nel letto dell’abulico Piero Fassino, la giunonica e pimpante Sabrina Ferilli. Incredibile, no? Tutto grazie a un casco! Normale che questo si trasformi in un successone senza pari. 

 

motoblouzIl direttore generale dell’impresa francese ha deciso, dunque, che era il caso di ringraziare pubblicamente l’insospettabilissimo Hollande, testimonial eccellente di un oggetto da lui reso miracoloso. E così Thomas Thumerelle ha fatto inserire un annuncio su Liberation in cui spiega – urbi et orbi – che “Dopo la pubblicazione delle sue foto mentre lo indossa, il nostro casco è andato in rottura di stock, vittima del suo stesso successo”. E poi: “Siamo felici che abbia scelto un prodotto francese per i suoi spostamenti su due ruote”. E quindi apre all’ampio ventaglio del suo catalogo, evidentemente per fidelizzare un cliente così importante : “Ci sono tanti altri modelli della nostra nuova collezione che la attendono, sul nostro sito, per rendere sicure le sue prossime scappatelle. E ci troverete anche tante giacche da donna, il regalo ideale per San Valentino”.

 

motoblouz casco hollandeSul sito, intanto, il casco è ancora indisponibile. Tutto venduto, non ne è rimasto manco uno più. Che d’un tratto la Francia libertina e fedifraga si sia messa in scia di quello che a tutti pareva (anche per oggettivi limiti estetici, come ha in altri termini sentenziato l’arbitra elegantiae Marina Ripa di Meana) un Presidente al di sopra di ogni sospetto (erotico, of course!). Ve l’immaginate un Paese intero in sella allo scooterone per correre dall’amante? Viva l’amore, e viva pure l’Italia dato che il redivivo tombeur de femme Francois si fa portare in giro su un Piaggio. C’è però un messaggio positivo da divulgare alle giovani generazioni. E meno male, se no se la sarebbero presa a male al di là delle Alpi e non solo. La sicurezza è importante, questo è fuori discussione ed è giusto così. In amore – specialmente di questi tempi – lo è ancora di più. Playboys di tutte le Gallie, proteggetevi. Non solo “durante”, ma magari anche prima dei vostri rendez-vous. E possibilmente meglio di monsieur le President.

@barbadilloit

 

Di Beppe Furino

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>