0

Forza Italia. Berlusconi lancia Toti rottamatore soft. Ma la vecchia guardia non molla

Pubblicato il 8 gennaio 2014 da Liam Brady
Categorie : Corsivi Politica

giovanni totiLa nuova Forza Italia non avrà la stessa immagine del Pdl declinante. Questa è la direttiva di Silvio Berlusconi, leader del partito, che ha scelto Giovanni Toti, direttore di Studio aperto e del Tg4, per girare pagina. La vecchia nomenclatura però non è affatto contenta di essere scaricata (a partire dalla black list legata gli inviti alle trasmissioni tv) e già prepara contromosse. Intanto il partito sta definendo le date della “Leopoldina”, una kermesse che dovrà lanciare i volti nuovi in viste delle prossime sfide.

Toti, intervistato su La Stampa da Amedeo La Mattina ha subito spiegato la sua strategia, negando dissidi con il gerarca Denis Verdini: “Ma no – spiega Toti – io e Denis siamo toscani, insieme ci facciamo grandi risate. Lui è un vero uomo macchina, si troverà un accordo. Ma è logico che chi prima remava in prima fila, dovrà remare in seconda, terza o quarta fila. Se tutti rimangono aggrappati alla zattera e vogliono mettersi a timone, alla fine si va tutti a fondo. Berlusconi troverà il mix giusto”.

Il quotidiano di Torino lo definisce “rottamatore gentile”, ma l’impresa sembra piuttosto per combattenti determinati: “Bisognerà lavorare di fioretto non di sciabola. È ovvio, ognuno tende a preservare la propria catena di comando – aggiunge Toti – ma Forza Italia deve profumare di nuovo, deve tornare a essere competitiva.

Pietrangelo Buttafuoco nella rubrica “Il riempitivo” sul Foglio ne ha tratteggiato questo ritratto: “Giovanni Toti – direttore del Tg4 e di Studio Aperto, ormai schierato in politica – ha una faccia simpatica. E’ il volto più affabile del berlusconismo, ed è anche – per garbo e per tatto – agli antipodi del suo stesso mondo perché non tradisce nessuno sbotto caimano, anzi, ha un modo tutto soave che disinnesca ogni istinto padronale. Parla per convincimento e non per stipendio. A differenza di un Emilio Fede, per dire, non eccede in confidenze zuzzurellone col capo e Toti, insomma, sa il fatto suo. E’ perfino più pop di tante vecchie glorie dell’immaginario forzista – da Gianni Letta a Marcello Pera – perché si capisce che Toti sa cambiare una ruota, sa far montare il bianco d’uovo, sa come far ridere una donna e come aiutare un bimbo a costruire un aeroplanino col foglio A4″.

santancheAlessandra Mussolini, Laura Ravetto, Denis Verdini, Daniela Santanchè e tanti altri falchi berlusconiani non porgeranno l’altra guancia quando Toti chiederà, con garbo, di fare un passo indietro: la partita allora si sposterà sulle Europee. E lì non è escluso che questi big decidano di andarsi a riconquistare il “diritto ai talk show” candidandosi nelle liste di Forza Italia. Le primarie interne sempre scansate passeranno dalla corsa per Strasburgo.

@barbadilloit

Di Liam Brady

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>