1

Il commento. L’Italia guascona e libertaria cerca un leader dopo Berlusconi

Pubblicato il 29 novembre 2013 da Mario Bozzi Sentieri
Categorie : Politica

media berlusconiNon è stato un altro Hotel Raphael. L’ultimo giorno da senatore di Silvio Berlusconi non ha visto i toni ed i riti che accompagnarono,  giusto trent’anni fa, nell’aprile 1973, la contestazione nei confronti di Bettino Craxi,  all’uscita dal noto albergo romano, dopo che la Camera aveva votato no all’autorizzazione a procedere contro il  Segretario del Psi, nell’ambito dell’inchiesta milanese su Mani Pulite.

La “decadenza” da senatore di Berlusconi  ha visto un Senato silenzioso e consapevole del momento, tutt’altro che felice per la nostra storia nazionale, mentre la gente, davanti a Palazzo Grazioli,  si stringeva intorno al Cavaliere.  I numeri della piazza hanno oggettivamente poca rilevanza, importante è l’atto politico,  che ha accompagnato la decadenza da senatore del leader del centrodestra e la volontà di rivalsa che ha segnato il suo discorso.

Berlusconi riuscirà nell’impresa di trasformare la  sconfitta personale nell’ennesima rinascita politica ?  E’ oggettivamente difficile fare delle previsioni. In particolare non sono ancora ben chiari i limiti che verranno imposti alla sua libertà personale e quindi al suo agire politico,  ora che  ha perso l’immunità parlamentare.

L’unico dato certo è che la Storia di quanti si sono riconosciuti in Berlusconi continua. Hanno perciò poco senso gli spot da “caro estinto” che hanno punteggiato le cronache della giornata.

Certo, la data del 27 novembre 2013 sarà ricordata come una delle date-simbolo nella storia della Repubblica italiana. Da fronti opposti la si  giudicherà una sconfitta della democrazia oppure un atto di grande giustizia. Qualcosa cambierà negli assetti tra le forze politiche (a destra, dove il leader storico risulterà “dimezzato”, ma anche a sinistra, dove verrà meno il “nemico principale”)  dire  però che d’ora in poi niente sarà come prima si scontra con  l’idea stessa  di un  Paese  che ha fatto del continuismo la propria   bandiera e del gattopardismo il suo simbolo (dai vecchi regni preunitari al Risorgimento, dal giolittismo al fascismo, dal fascismo all’antifascismo, dalla Prima Repubblica alla Seconda).

Anche perché, volenti o nolenti, la “Storia di Berlusconi” è  intimamente intrecciata con l’anima profonda dell’Italia, per la capacità che il Cavaliere ha avuto di rappresentarla, di dargli voce e valore simbolico: l’Italia  antinichilista e un po’ moralista, paterna e amante della libertà, stanca di uno Stato tiranno e volenterosa, appassionata  e un po’ guascona.  Con questa Storia, con quest’ Italia bisognerà continuare a fare i conti. Volenti o nolenti. Con Berlusconi o senza di lui. Chi riuscirà a comprenderla e a rappresentarla avrà in mano le chiavi del futuro.

@barbadilloit

Di Mario Bozzi Sentieri

Una risposta a Il commento. L’Italia guascona e libertaria cerca un leader dopo Berlusconi

  1. “…giusto trent’anni fa, nell’aprile 1973, la contestazione nei confronti di Bettino Craxi,…”
    ma chi ha scritto questo articolo???
    due refusi in un pugno di parole… se sono refusi.
    berlusconi confonde le idee anche da decaduto.
    povera destra iddiolacreò.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>