0

Cinema. Ritorna “The Legend of Conan”: una nuova avventura dell’eroe antimoderno

Pubblicato il 1 novembre 2013 da Francesco Filipazzi
Categorie : Cinema

conan barbaroSu spinta di Arnold Schwarzenegger verrà girato un seguito del film “Conan il Barbaro”, pellicola cult uscita nel 1984. Si intitolerà “The Legend Of Conan” e non avrà alcun richiamo con un altro film uscito nelle sale nel 2011. Verrà girato ancora una volta un film basato sulle saghe di Robert Erwin Howard che negli anni ’20 e ’30 del ventesimo secolo, negli USA  furono un evento letterario, pubblicate sulle colonne della rivista Weird Tales a fianco, per citarne uno, delle opere di Lovecraft. Quest’ultimo alla morte del collega scrisse un ricordo appassionato dal titolo “In Memoria di Robert Erwin Howard”.

All’epoca le storie di Conan il Cimmero ebbero successo perché narravano di  un eroe piuttosto particolare, di fronte al quale i lettori rimasero e tutt’ora rimangono disorientati. La vita del barbaro è veloce, rincorsa da esseri mostruosi provenienti dai sogni più oscuri e agitati (non per niente Howard scrisse anche di Chtulhu), con guerre, nemici, donne, clima desertico e polare, civiltà scomparse e rovine colossali. E’ proprio il tema delle rovine, morali e materiali, quello che per la maggior parte del tempo tiene banco nelle narrazioni.

Conan combatte con la forza selvaggia del suo popolo e vince, perché è un “incivile” che disprezza le mollezze del progresso e della civiltà che, come viene spiegato in ogni storia della saga, corrompono immancabilmente chiunque e lo rendono debole. Conan non fa parte del mondo moderno in cui inciampa di continuo. Un mondo costellato dalle vestigia di antiche e grandiose civiltà, di cui i moderni possono solo depredare i tesori e combattere i mostri rimasti a guardia di essi.

Essendo il Cimmero insofferente verso le società evolute, ne rifiuta anche le autorità costituite, a meno che non riesca a comandare. Nello svolgersi delle narrazioni, lo si trova in lotta con le guardie delle varie città che lo rincorrono per imprigionarlo, oppure in fuga per non dover rispondere di qualche malefatta al cospetto del re di turno. Oppure lo si trova re e capitano egli stesso, alla guida di un esercito o di una ciurma verso scorrerie di ogni genere. Perché Conan non è certo un eroe ordinario. Ruba, ammazza e squarta senza troppi problemi, come il peggior ladro o mercenario, ma ha un fortissimo senso dell’onore. Mai prenderebbe una donna contro la sua volontà, mai tradirebbe la parola data e per aiutare un compagno d’armi si getterebbe contro il peggiore degli esseri usciti dal più profondo inferno.

@barbadilloit

Di Francesco Filipazzi

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>