1

Politica. Il guanto di sfida della Meloni: “Se cade Marino, pronta per Roma”

Pubblicato il 14 dicembre 2014 da Liam Brady
Categorie : Politica

meloni giorgiaGiorgia Meloni indossa l’elmetto e si schiera in prima linea per ricostruire il centrodestra partendo dai municipi e dalle elezioni amministrative. Partendo da Roma. “Quando la sinistra deciderà di staccare la spina al Kung fu Panda Marino io sarò lì in prima fila”. Con questa dichiarazione ha formalmente scritto il suo nome nella prossima lista per le primarie del fronte anti sinistra nella Capitale. Nella manifestazione al teatro Quirino la Meloni ha seguito due rotte, la prima per il rilancio dell’iniziativa politica di Fratelli d’Italia, e la seconda offrendo la sua disponibilità a cimentarsi nell’ardua opera di ricostruzione della coalizione delle destre.

“Ridaremo voce alle periferie abbandonate dalla sinistra di salotto. Noi siamo l’alternativa a Matteo Renzi, non vogliamo morire renziani e dico a Berlusconi che il centrodestra, come è stato finora, è morto e non si può assemblare qualcosa che è morto”: l’attacco ai riesumatori della vecchia alleanza è stato così servito dalla leader di Fratelli d’Italia, consapevole che il nodo delle alleanze sarà decisivo per accrescere le speranze di vittoria nella prossima tornata amministrativa.

La ricerca del nuovo e il rapporto con la Lega

“Dobbiamo mettere in piedi – ha spiegato Giorgia Meloni – un sistema per vincere ci vuole qualcosa di nuovo e ci sono energie fresche da recuperare per questo. Noi non ci tireremo indietro”. Il messaggio al Carroccio: “Matteo Salvini fa sul serio oppure no? Ha intenzione di chiudere veramente con il secessionismo o vuole solo drenare voti dal Sud per eleggere parlamentari antimeridionali del Nord? Se è la prima ipotesi  noi siamo disponibili al confronto e al lavoro insieme ma se non è un’operazione genuina noi lotteremo per il Sud”.

Fdi contro “corrotti ladri e parassiti”

La Meloni assicura che le liste di Fratelli d’Italia sono “aperte a chi vuole condividere le nostre battaglie. Non è il tempo  dei tentennamenti, ma è il tempo della lotta aperta contro ladri, parassiti e corrotti”. Poi la frecciata a Berlusconi e forzisti: “Vorrebbero che tornassimo a casa con la coda tra le gambe, ma quando qualcuno vuole metterci all’angolo quella è la volta che noi partiamo più forti”.

L’ostilità di Alfano

Il segretario del Ncd, Angelino Alfano, intervenuto dalla Annunziata su RaiTre ha però messo un veto sulla candidatura della Meloni a Roma: “Una antieuropeista nella Capitale? No grazie”. Poi però ha ricordato di aver conservato un buon rapporto personale con la leader di Fratelli d’Italia, una finestra lasciata aperta in vista di una possibile soluzione non conflittuale per ricomporre il quadro a destra.

@barbadilloit

Di Liam Brady

Una risposta a Politica. Il guanto di sfida della Meloni: “Se cade Marino, pronta per Roma”

  1. Meglio non presentarsi proprio, vista la riuscita degli ultimi eletti, sia in comune che alla regione.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>