0

Teatro. Sunset Boulevard. Prima nazionale al Todi festival

Pubblicato il 31 agosto 2014 da Marina Simeone
Categorie : Cultura

Hollywood la fabbrica dei sogni continua ad incantare il mondo con le sue luci e le Listenersue promesse di apparente perfezione, nascondendo sotto un’ impalpabile coltre ingannatrice la crudezza del volto del cambiamento. Nel musical “SUNSET BOULEVARD” si respira la tristezza dell’andar di un tempo d’oro per le vere dive e l’avvento della sovraesposizione forzata, della corsa ai riflettori, pericolosa per il talento, quanto per il decoro. Il Musical in scena al Todi Festival come prima Nazionale il prossimo 31 Agosto si basa sul film “Le vie del Tramonto”, regia di Billy Wilder, prodotto nel lontano 1950; film noir del 1950 di notevole successo di critica e pubblico, incentrato sulle attrattive Hollywoodiane e sulla loro illusorietà.

A Todi per la regia di Federico Bellone si esibiranno Donatella PANDIMIGLIO (Norma Desmond), Simone LEONARDI (Joe Gillis), Alice MISTRONI (Betty Schaeffer), Enrico BERNARDI (Max  von Mayerling) e Renato CORTESI  (Cecil B. De Mille). Le musiche sono di ANDREW LLOYD WEBBER e il libretto e le parole delle canzoni sono di DON BLACK e CHRISTOPHER HAMPTON.

La storia di questo musical è stata sofferta fin dal suo esordio e nonostante i successi ottenuti nei tanti Paesi in cui è stato portato, rimane uno spettacolo complesso da realizzare e proporre, quanto emozionante da vedere. Il segreto risiede sicuramente nel suo realismo sognante e malinconico, nei suoi contrasti emotivi e nella coralità ed efficacia dei suoni.

La protagonista è una Diva degli anni ’30, celebre per il cinema muto, la cui espressività donava la voce al silenzio, purtroppo facilmente dimenticata a causa dell’introduzione del sonoro; sostituita potremmo dire da concorrenti distanti dalla sua arte e dal suo talento. All’improvviso un incontro inaspettato e una speranza nuova, coltivata gelosamente fino all’epilogo dell’opera.

La voce esperta e sicura di Donatella Pandimiglio ricorda il dramma di Norma, rassicurando gli spettatori sulla qualità della scelta italiana. E’ lei, Norma ad essere in bilico tra il passato e il presente e a rimanere vittima del futuro, spietato con chi non sa adeguarsi ai cambiamenti che impone. La storia di un momento fondamentale per il cinema proiettata sul palcoscenico teatrale, con la forza della mimica e il coinvolgimento del sostegno musicale.

@barbadilloit

Di Marina Simeone

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>