2

Cultura. Claudio Quarantotto la rivista “La Destra” e il coraggio delle idee inclusive

Pubblicato il 18 aprile 2014 da Mario Bozzi Sentieri
Categorie : Cultura

tricolori

La scomparsa di Claudio Quarantotto, figura importante, quanto purtroppo sottovalutata, nella storia della cultura e del giornalismo “di destra”,  offre l’occasione per puntualizzare il ruolo che ebbe la rivista della quale Quarantotto fu il direttore e la mente organizzativa, dandoci, nel contempo,  uno squarcio significativo del “clima culturale” in cui l’Italia si trovò a vivere nel decennio Settanta.

Come ebbe a testimoniare, in seguito, lo stesso Quarantotto (“Una cultura che osava dire il suo nome”, “L’Italia Settimanale”, 8 marzo 1995) “Gli amici più cari avevano affettuosamente sconsigliato l’editore  Mario Tedeschi di rischiare soldi in una rivista di cultura, e il direttore, ossia il sottoscritto, di cimentarsi nel classico e disperato tentativo di fare un buco nell’acqua. Quando poi seppero che la rivista di cultura si sarebbe intitolata “La Destra”, il coro divenne generale: in Italia l’organizzazione della cultura era in mano a comunisti e cattocomunisti, la parola destra era diventata sinonimo di fascismo, sicché nessuno avrebbe accettato di collaborare a “La Destra”, per non rischiare carriere, stipendi, poltrone, fama, diritti d’autore e rendite da antifascismo vero o presunto”.

All’iniziativa editoriale, appena nata, Umberto Eco, uno dei soloni dell’establishment culturale “progressista”, dedicò (su “L’Espresso”) un “articolo rivoltella”, con cui bollava come “disonesta” e “puerile” la rivista, collegando la rinascita del “pensiero reazionario” con il Grande Capitale e il terrorismo.

Evidentemente, la rivista,  diretta da Quarantotto,  dava fastidio, per il livello delle collaborazioni (con un comitato di cui facevano parte,  Michel De Saint Pierre,Mircea Eliade, Vintila Horia, Thomas Molnar, Ernst Junger, Giuseppe Prezzolini,Caspar Schrenk-Notzing) e per l’impegno anticonformista nel   dare voce ad una destra culturale di livello internazionale, che rifiutava l’assimilazione con la destra economica e si teneva ben libera dai condizionamenti di quella politica.

Come veniva  specificato nelle note di apertura (“Questa rivista”, “La Destra”, N. 1, dicembre 1971) “la prima è stata sempre alleata del potere e, essendo oggi al potere la sinistra, è alleata della sinistra. La seconda costituisce soltanto una parte della destra internazionale; e non comprende nemmeno, in campo nazionale, tutti gli uomini di destra, ancora dispersi, o divisi, in vari raggruppamenti e formazioni”. Semplificando il messaggio, ma con l’ambizione di rappresentare trasversalmente, “in tutte le sue tendenze e diversità, ideali e geografiche, la più vasta destra culturale”, il ruolo della, rivista veniva  sintetizzato provocatoriamente  nel trinomio reazione, conservazione e costruzione: “reazione contro il male, conservazione del bene e costruzione del meglio”.

Preso atto della crisi culturale, ideologica e politica della sinistra (nel momento in cui le utopie del marxismo avevano  reso palesi i loro limiti congeniti) e constatato che “il ‘senso della, storia non esiste” la rivista diretta da Quarantotto  manifestava  la volontà di allargare gli orizzonti culturali di una destra che non si limitasse  a contemplare le opere del passato, “soltanto perché appartengono al passato”, né a rifiutare “le opere del presente soltanto perché sono figlie del presente”, ma che dal passato volesse  “raccogliere, come eredità, l’eterno” e dal presente intendesse  “fugare tutto ciò che contrasta con l’eterno, ovvero con i valori permanenti, negando i quali l’uomo nega se stesso e senza i quali non esiste una libera nazione, ma soltanto anarchia o tirannide”.

La collezione de “La Destra”, che uscì dal 1971 al 1976, testimonia la sensibilità culturale e la capacità “di sintesi” dell’impegno di Quarantotto, che riuscì a pubblicare gli autori delle diverse “scuole” che componevano e – di fatto – continuano a comporre il variegato mondo della cultura anticonformista (dal “disubbidiente per ubbidienza”  Monsignor Marcel Lefèfvre ad un allora giovane “innovatore” come Alain de Benoist) , evitando le ricorrenti “polemiche d’ambiente”.

In questo senso Quarantotto guidò con sicurezza quel ricco bastimento culturale, lavorando “per inclusione”. Un esempio che, a destra,  non solo in ambito culturale,  dovrebbe, oggi, fare scuola.  

 

@barbadilloit

 

 

​​

Di Mario Bozzi Sentieri

2 risposte a Cultura. Claudio Quarantotto la rivista “La Destra” e il coraggio delle idee inclusive

  1. Claudio fece molto anche durante l’avventura di “Italia settimanale” ricoprendo a lungo il ruolo di caporedattore. Intelligente, preparato, ironico, gran mestiere, cultura sterminata, grande umanità, onesto: lavorare con lui è stata una fortuna

  2. Era figlio del prefetto Paolo Quarantotto, che tra l’altro fu mandato a riordinare la Federazione dei Fasci di Reggio Calabria nel 1941-1942 e durante la RSI fu prefetto ad Asti.
    Claudio fu interlocutore di Prezzolini alla redazione del Borghese, curando i suoi articoli e accogliendo i suoi suggerimenti per la pubblicazione di autori stranieri nelle Edizioni del Borghese.
    Dopo il fallimento della società editoriale di Mario Tedeschi nel 1978, continuò a collaborare al ridimensionato settimanale Il Borghese come critico di cinema con lo pseudonimo di Giusto Orsera.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>