0

Il caso. Renzi rottama il Senato? E i grillini difendono lo status quo: il bicameralismo

Pubblicato il 2 aprile 2014 da Paul Gascoigne
Categorie : Politica

E i grillini finirono per rivalutare la “casta” del Senato. Fare il controcanto a Matteo Renzi, di questi tempi, può portare a questo, a difendere ciò che per il Movimento 5 Stelle in realtà sarebbe il nemico giurato: il lavoro dei senatori  in nome di un bicameralismo perfetto che rappresenta «un virtuoso meccanismo tramite il quale il Parlamento è in grado di ponderare adeguatamente le scelte complesse e delicate che si trova ogni giorno ad affrontare».  Parola di Luigi Di Maio, vicepresidente della Camera e uno dei portavoce del M5S, che con una lettera al Corriere ha “scoperto” che la politica ha i suoi tempi.  Altro che politica 2.0 e decisioni alla velocità di un clic: la nuova parola d’ordine è “ponderare”.

La presa di posizione di Di Maio si innesta in realtà con il riposizionamento di Beppe Grillo sulle coordinate di Stefano Rodotà: lo stesso Ro-do-tà prima amato dal leader del M5S ma poi cestinato per le sue prese di distanza dai toni dei 5 Stelle. Adesso però Renzi sta giocando una carta dall’alto valore anticasta: abolire il Senato. Una mossa dall’alto gradimento popolare, si potrebbe dire “grillina”. Per questo l’ex comico ha scelto di sconfessare l’operazione “taglio” partendo dall’illegittimità del Parlamento non votato di esprimersi su una tematica che riguarda la riforma della Costituzione.

grillini-in-parlamentoMentre ai suoi parlamentari tocca la parte più scomoda: difendere anche i “costi” del Palazzo. «Fondamentale – ha sottolineato Di Maio – è quindi non confondere i cosiddetti “costi della politica” con quelli della democrazia. Trovo semplicistico trattare la questione delle riforme con la calcolatrice anche perché – in questo caso – i risparmi sarebbero davvero trascurabili» poiché «il Senato verrebbe trasformato e non soppresso» e «il numero dei deputati rimarrebbe invariato». Calcolatrice in mano: non era la stessa calcolatrice con la quale i grillini hanno occupato le cronache dei primi mesi in Parlamento con la storia degli scontrini e della diaria?

@barbadilloit

Di Paul Gascoigne

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>