0

Governo/1. Velardi: “Il nemico di Renzi? La tracotanza”. Matteo teme di finire rosolato

Pubblicato il 13 febbraio 2014 da Gordon Cowans
Categorie : Politica

renzi“Ora unica nemica del giovanotto è la hubris. L’orgoglio, la tracotanza, la superbia. Domani può forzare la mano al partito, ai suoi parlamentari, alla coalizione, a Napolitano, e fare precipitare le cose. Oppure può dire a Letta: “Vuoi proseguire? Perfetto, procedi pure. Fai le cose che hai detto di voler fare, io sarò responsabile, paziente e leale”. Senza preoccuparsi degli stupidi che esulteranno, dei giornali che diranno “ha vinto Letta”, dei cento critici col ditino alzato. Tanto passeranno due-tre mesi e il governo incolore e inodore di Letta si sbriciolerà da solo. E il giovanotto ne uscirà più forte di prima”: questa previsione, che dovrà fare i conti con le accelerazioni delle ultime ore è firmata da Claudio Velardi, uno dei guru della comunicazione politica italiana. Dal blog personale, ieri l’ex lothar dalemiano ha evidenziato come la tracotanza e la fretta potrebbero frenare la corsa trionfale di Renzi verso Palazzo Chigi. In fine dei conti, il sindaco di Firenze continua ad apparire un predestinato… 

Velardi poi aggiunge: “In sostanza con queste “primarie di governo” può accadere – mutatis mutandis – quello che è accaduto con le primarie di partito. Dopo le prime – perse – Renzi, seppe metabolizzare la sconfitta, assorbire sospetti e diffidenze e stravincere le seconde. Anche in questo caso, il secondo tempo arriverà molto presto, e lui ci sarà. Mentre, nel frattempo, lo stanco e cinico Presidente del Consiglio dovrà accollarsi pienamente la responsabilità del paese che arranca, e condividere le prossime tappe – elettorali e politiche – dell’eterno calvario Pd, che non si annunciano lievi”.

L’impazienza di Renzi, però, ha fondate ragioni temporali: tra semestre europeo ed elezioni per Strasburgo, la sua immagine di “uomo della Provvidenza” potrebbe essere scalfita e apparire più logorata. E in un terreno di scontro prettamente partitocratico, il leader fiorentino, è giustamente consapevole di non essere ancora abbastanza ferrato.

@barbadilloit

Di Gordon Cowans

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>