0

Calcio. Diamanti sulla via della Seta: se ne va in Cina dal khan Lippi

Pubblicato il 7 febbraio 2014 da Bruce Grobbelaar
Categorie : Sport/identità/passioni

diamantiIl calcio d’Oriente è adesso una realtà che a suon di dollari vuole guadagnare dignità internazionale. Così Bologna deve cedere il suo gioiellissimo, Alino Diamanti, alla dinastia Guangzhou dell’Imperatore Marcello Lippi. Diamanti, di certo non va in Cina a malincuore. E, detto tra noi, a quelle condizioni ci saremmo andati tutti, di corsa. Alla faccia di questo campionatino di periferia..

LA VIA DELLA SETA – A distanza di secoli dalle peripezie di Marco Polo, Diamanti ha raggiunto la Cina che si atteggia a potenza nascente pure nel calcio. L’acquisto di Diamanti si è meritato pure un pezzo sul sito ufficiale della Fifa. Certo, il livello è ancora quello che è ma a suon di yuan i magnati asiatici vogliono far crescere il livello del football alle loro latitudini. Chi si era illuso che Diamanti sarebbe restato complice la chiusura del mercato, si è sbagliato di grosso. Laggiù hanno altri termini, il 28 febbraio è l’ultimo giorno utile per chiudere gli affari pallonari.

ORIENTE CHE VA ORIENTE CHE VIENE – Il self-made man del calcio italiano se ne va in Cina a godersi quasi sette milioni di euro per tre stagioni. Un’occasione così non arriva più, specialmente se sei sulla soglia dei trent’anni, l’età proibita per i calciatori che giocano dalla trequarti in su. Ma se Alino se ne va, in Italia – dall’Oriente sponda Giappone – è arrivato Keisuke Honda, l’uomo della provvidenza (secondo Galliani) per il Milan. Solo che Honda è moscio e non è che abbia incantato alle prime uscite. Zaccheroni lo difende. “Ci vuole tempo perché si adatti al calcio italiano”, ha detto ai media giapponesi. Chissà…

Di Bruce Grobbelaar

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *