8

Pd. Fenomenologia della Boschi giaguara renziana che ha sedotti tutti i media

Pubblicato il 7 febbraio 2014 da Diletta Maioli
Categorie : Politica

boschiIn principio fu Alessandra Moretti, a portar scompiglio tra colleghi e addetti ai lavori, dopo anni in cui lo stile di donna a sinistra era quello rappresentato dalla coppia Anna Finocchiaro – Rosy Bindi. Ora, però, dopo il tracollo politico del suo pigmalione Pier Luigi Bersani, la gatta vicentina ha dovuto lasciare il posto ad un’altra bellezza democratica: Maria Elena Boschi, per certi versi più gradevole della collega di partito.

Boschi è dappertutto, ad ogni ora del giorno e della sera, in ogni talk che si rispetti. E’ il faccino bello di Matteo Renzi, che proprio bello non è. E’ una delle Renzine, le nuove, giovani e carine leve dell’era Renzi.

Maria Elena è bella, col faccino pulito, e quegli occhioni grandi grandi da cerbiatta che piacciono tanto ai maschietti. Sta avendo un successo mediatico strepitoso dovuto al mix (riuscito) di avvenenza e lessico politico semplice semplice. E questo si spiega soltanto in un modo: la maggior parte dei commentatori o editorialisti sono maschi. E i maschi, si sa, si perdono in occhioni, camicette e tacchi 12, magari maculati. Già, perché sempre un uomo, ha pensato bene di affibbiarle il soprannome di giaguara dopo averla vista indossare una scarpa un po’ aggressiva, maculata appunto. Che poi agli uomini piaccia vedere le donne come pitonesse o giaguare la dice lunga ma non approfondiremo l’argomento.

Boschi, comunque, non perde un colpo. Anche un paio di sere fa, ospite della Gruber a Otto e Mezzo, era perfetta. Messa in piega appena fatta, trucco giustissimo, né troppo né troppo poco, con gli occhi come punto di forza (e lo sono!), perfino gli accessori indovinati. Magari il tailleurino faceva un po’ zia, ma che zia, direbbe qualcuno. Tutti (soprattutto i giornalisti maschi, ovvio) le dedicano almeno un articolo per tesserne le doti, in effetti sempre più estetiche che di altro tipo. Perfino Marcello Veneziani, su Il Giornale, le ha dedicato un suo Cucù, divertentissimo e al tempo stesso spudoratamente appassionato della bellezza dell’aretina. La quale aretina, ottimamente laureata in legge (e la faccina da secchiona, un po’ ce l’ha), è passata dall’elezione a Miss Parlamento all’essere scelta da Renzi come Responsabile democratica per le riforme. Perchè Renzi è un furbo: ci mette due begli occhioni che sbattono lunghe ciglia a discutere, con quelli di Forza Italia, di riforme. Chissà mai che quei mandrilloni uomini di destra non ci caschino. Conoscendoli…

Che Boschi sia determinata non è in discussione. La sua carriera politica comincia nel 2009, a Firenze, dove sostiene il candidato sindaco sfidante di Renzi. Che perde ed un attimo dopo diventa più renziano del Renzi portandosi dietro la bella Maria Elena, che entra nelle grazie del sindaco e comincia la sua scalata al partito. In questo, Boschi e Moretti, si somigliano come gocce d’acqua, sveltissime nella pratica del vecchio salto della quaglia.

Per capire ancor meglio l’interesse che sta suscitando questa giovane donna basta googlare un po’ e inserendo il nome di Maria Elena Boschi verranno visualizzati diversi risultati tra cui “amante Renzi” e “hot”. Che, ovviamente, non necessitano di alcuna spiegazione.

Bella è bella, Maria Elena. E’ carina, educata, a modo. Per il resto, riprendendo la battuta di un amico: “Dice banalità? Mica è Nilde Jotti!”.

@barbadilloit

Di Diletta Maioli

8 risposte a Pd. Fenomenologia della Boschi giaguara renziana che ha sedotti tutti i media

  1. La Boschi e le altre le mandiamo tutte al concorso Miss Parlamento , ma poi …. tutte a casa !

  2. Mandateci pure la fotoscioppata melonzola ihihihih

  3. Quella è una …cozza , ma sa far politica . Meglio che resti in Parlamento , una delle poche !

  4. Allora non votiamola alle Europee! ihihih

  5. sa far politica…ma de che?certo la sua, anzi la loro politica la vediamo ogni giorno,la conosciamo purtroppo da tempo,sopratutto qui a roma….in ogni modo tra una paracula che fa'”politica”(?!) e la Boschi,lancio il mio grido….. Boschi fino alla morte!!!!!

  6. Siete alla frutta , e non riconoscete nemmeno i meriti di una Meloni , che viene dal proletariato ( PD il proletariato non vi interessa più ? ) piuttosto che le “stelline ” da fotoromanzo , queste sì par…ule di Renzi .

  7. ma falla finita, sei ridicolo nella difesa di quella paraculetta….proletaria perche’forse viene dalla garbatella….?quando lei ci viveva o se ci vive ancora,la garbatella non era certo il quartiere degli anni 60-70….proletari erano i fratelli mattei,era Cremino(zicchieri) erono i caduti di Acca,erono tutti quei camerati che nelle borgate,e nelle piazze, hanno permesso al tuo amico fini prima, e dopo a questi tristi figuri,con paracule al seguito di devastare una patrimonio umano e politico….!! meloni proletaria robba da matti…..!!!!! informati prima di straparlare!!!!! e cerca di capire il tono scanzonatorio delle affermazioni sulla boschi invece di prendere d’aceto sulla tua” pupilla”…mi dai da pensare cosi!!!!!

  8. Prima di parlare sa della mia storia politica prima a Bologna , poi a Verona ? Sono uscito da A.N. quando Fini l’fatto entrare nel Pdl . Sono rimasto fuori fino a Fratelli d’Italia – Alleanza Nazionale . Sono stato e lo sono tutt’ora l’unico consigliere del Fuan a Scienze Politiche a Bologna , votato con il 37,3 % dei votanti.
    Abbi rispetto , sig . Roberto Maggi , per la mia persona e per la mia fede politica e per la lunga militanza ( ho 70 anni ) .
    Non capisco questa acredine . Io ci credo nel ritorno della destra e della sua unificazione , senza Alfano e senza Berlusconi . Bisognava partire e siamo ripartiti : abbiamo un potenziale di un 8% se superiamo i dissapori tra noi . Chi lo doveva fare altrimenti il primo tentativo di riunificazione ? Menia , Storace , Romagnoli , ecc.
    Siamo realisti ed aiutiamo anche nelle amministrative
    Fratelli d’Italia – Alleanza Nazionale .

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>