0

Politica. De Girolamo si dimette. Letta costretto al rimpasto: chi salterà?

Pubblicato il 27 gennaio 2014 da Redazione
Categorie : Politica

de girolamoA pochi giorni dall’appuntamento con la mozione di sfiducia Nunzia De Girolamo ha deciso di dimettersi da ministro dell’Agricoltura. Una decisione – maturata a causa delle intercettazioni sul caso della Asl di Benevento nel quale non risulta comunque essere indagata – giunta nella serata di domenica che si presenta come una reazione a una difesa mai giunta da parte di chi dovere, secondo l’accusa dell’ex ministro. Il riferimento è a Enrico Letta che, in effetti, non ha speso una parola in difesa del ministro (a differenza di ciò che è avvenuto con il caso Cancellieri) ma anche ai suoi stessi colleghi del Nuovo centrodestra: dato che è rimasta esplicativa l’immagine della De Girolamo da sola tra i banchi del governo il giorno della sua dichiarazione in Aula.

Davanti a questo il ministro ha scelto di dimettersi, non senza lanciare un’accusa chiara: «Ho deciso di lasciare un ministero e di lasciare un governo perché la mia dignità vale più di tutto questo ed è stata offesa da chi sa che non ho fatto nulla e avrebbe dovuto spiegare perché era suo dovere prima morale e poi politico. Non posso restare in un governo che non ha difeso la mia onorabilità». Una scelta che arriva in un momento molto delicato per l’esecutivo di Letta e Alfano.

Il Governo, infatti, è più debole non tanto per le dimissioni della De Girolamo in sé (l’esponente è data in uscita dal Nuovo centrodestra in direzione “grande rientro” in Forza Italia) ma perché con queste il “rimpasto” dovrà avvenire per forza. In bilico  ci sono non solo la già offuscata figura del Guardasigilli Anna Maria Cancellieri, ma anche altri dicasteri importanti come quello del Lavoro (con il ministro Giovannini malvisto da Matteo Renzi dopo che questo ha messo in discussione il “Jobs Act” del segretario Pd) e dell’Economia (dopo le numerose gaffe del ministro

Davanti a un segretario del Pd che non intende investire se stesso all’interno di un governo che considera estraneo al suo progetto, il rebus per Letta si fa complicao: fare il “bis” di se stesso senza il Pd e con le magre figure dei ministri tecnici non è operazione semplice. A maggior ragione quando le “larghe intese” in questo momento sono animate da due personaggi che fatalmente stanno fuori il suo governo: Renzi e Berlusconi…

@barbadilloit

Di Redazione

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>