4

Destre. Storace alla Meloni: ora armistizio e lista unica di An alle Europee

Pubblicato il 20 gennaio 2014 da GB
Categorie : Cronache Politica

meloni storaceArmistizio e lista unica delle destre alle Europee sotto il simbolo di An: ecco la proposta avanzata da Francesco Storace, leader de La Destra a Giorgia Meloni e Fratelli d’Italia. L’ex ministro, con un appello su Il Giornale d’Italia, ha fatto il primo passo per superare le recenti scaramucce, partendo dalla nuova legge elettorale che si profila con l’accordo Renzi-Berlusconi.

“Da sabato, non ha molto senso litigare ancora a destra. E vorrei farlo capire a tutti, col cuore e con la testa, a partire da Giorgia Meloni”, scrive Storace che riconosce come l’orientamento in Parlamento sarà di limitare la presenza dei piccoli partiti. “Non ha molto senso protestare per l’accordo Renzi Berlusconi. Gli italiani comunque non votano per i piccoli partiti, perché tali sono sia quelli allo 0,6 sia quelli allo 1,9″, analizza ancora l’ex ministro della Sanità.
Questo il cuore dell’appello di Storace: “Mettiamo da parte le discussioni su vecchio e nuovo. (…) C’è un solo simbolo che può unificare un mondo, ed è, volenti o nolenti, quello di Alleanza Nazionale. Per intero e non a pezzettini o addirittura in minidimensioni. E proprio a Giorgia Meloni rivolgo un accorato appello a resettare la polemica, a prendere in mano la situazione, a guardarci in faccia, e a non esitare. Non chiedere iscrizioni al tuo partito, come nessuno di noi le chiederà al proprio: creiamo insieme il nostro partito, senza doppi nomi o diavolerie del genere. Alleanza Nazionale e’ il sogno di molti, che diventa incubo inservibile se si litiga ancora“.
Per Storace la meta del “5, il 6, il 7 per cento” non è irraggiungibile e aggiunge che non è interessato assere in prima fila, ma in prima linea. Ultima postilla: se l’accordo non andasse in porto, avvisa Storace, ogni altra strada sarà battuta (compresa quella che porta alle formazioni di centrodestra): “Sarà inevitabile scegliere altre strade per fare politica, anche se meno eticamente nostre. Berlusconi o persino Alfano”.

@barbadilloit

Di GB

4 risposte a Destre. Storace alla Meloni: ora armistizio e lista unica di An alle Europee

  1. Che mentalità pavloviana !!

    Il sor Berlusca li stà defenestrando cercando l’accordo con il pd.

    Fino a ieri Berlusca ha staccato assegni per metterli gli uni contro gli altri ( Storace contro Fini- poi Larussa contro Storace) e loro hanno puntualmente accettato e sottoscritto gli assegni.

    Mo’ che “i posti di lavoro” dell’indotto della politica si sono ridotti e rischiano di scomparire allora : ” ….regà rimettemose insieme ma nel nome di alleanza nazionale ….” !!!

    Questa feccia “ricca di ideali” anela cosi’ non al posto in lista, ma senti senti alla “Prima Linea” ….

    Madonna che eroi, che combattenti ???!!

    Ci scommettete che troveremo in lista alla europee il trombato Alemanno, il trombato Storace ?

    Prima linea si ma ” quella elettorale! , l’importante e tirare a campare per alimentare i c/c personali …..

    Questa è la classe dirigente di destra eredita dal MSI-DN/AN …

  2. Che imbarazzo…altro che prima linea, questi signori, La Russa, Meloni, Storace, Alemanno, sono tutti stati ministri, sindaci dovrebbero prima di tutto chiedere scusa al popolo della destra e poi farla finita con questa bufala di Alleanza Nazionale, dicendo la verità: sono alla ricerca del tesoretto della fondazione. Una storia disgustosa che avrebbe solo un finale degno: ridare quei soldi allo stato e smetterla con le “rifondazioni”. Se la destra è così ridotta è per colpa prima di tutto loro, FATEVI DA PARTE.

  3. Non ci riuscirete. Questa volta non abbocchiamo. Trombati di tutte le destrine, centrodestrine, sinistredestrine, ecc, ecc: A CASA!!!
    E in un ultimo rigurgito di dignità – se ancora ne avete, ma ne dubito – cercate di non coinvolgere la FIAMMA TRICOLORE nei vostri giochetti di bottega. Tenete presente che molti hanno lottato e sono morti per Ideali che voi non avete più diritto di interpretare.

  4. Il problema non è che loro vogliono mettersi in mezzo, e’ che lo fanno male perché sono solo interessati alla mensa di Silvio. E’ farsesco che proprio questa gente non sia in grado di riesumare AN, in qualunque forma. Evidentemente il Berlusconi teme ancora che possa crearsi una destra sua alleata, troppo pericolosa per il suo manovrare. Avrei anche tollerato una nuova AN creata da questi figuri, e con vera democrazia interna per cui li si poteva spedire a casa con un congresso. Ma stanno facendo in modo che a scatola chiusa devi rivoltare per loro, perdi più senza eletti ma regalando solo la percentuale necessaria a FI per vincere.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>