0

Il caso. Referendum choc: i pentastellati sconfessano Grillo sul reato di clandestinità

Pubblicato il 14 gennaio 2014 da Francesco Filipazzi
Categorie : Cronache Politica

girllanteI grillini “bocciano” la linea di Beppe Grillo sull’immigrazione. Il leader del Movimento 5 Stelle ha indetto oggi dal suo blog un referendum-lampo sull’abolizione del reato di clandestinità, allo scopo di dare una linea al Movimento, da applicare in Parlamento durante il voto del decreto depenalizzazioni. L’esito della consultazione è da leggere con attenzione, perché il popolo pentastellato ha votato a favore dell’abolizione, di fatto sconfessando la linea tenuta in passato dall’ex comico e da Casaleggio, che si erano spinti a dichiarare che “se avessimo proposto la cancellazione del reato di clandestinità avremmo ottenuto percentuali da prefisso telefonico”.

Questo argomento è stato, in periodi recenti, una delle principali fonti di problemi per il Movimento 5 Stelle e anche questa consultazione online, riservata agli iscritti, ha creato una spaccatura fra Grillo da una parte e i parlamentari, con una fetta di base, dall’altra. Molti sostengono che oltre ad essere un’improvvisazione venuta male (24 mila votanti su oltre 80 mila iscritti), ancora una volta il blog è stato utilizzato come uno strumento di pressione per forzare le decisioni dei 150 eletti fra Senato e Camera, una parte della quale sempre di più lamenta della presenza ingombrante del duo Grillo-Casaleggio. Il senatore Battista, ad esempio, è su tutte le furie e ha invitato “caldamente l’autore di questo ennesimo condizionamento esterno a rivedere insieme al gruppo parlamentare il modus operandi o lasciare a una rappresentanza più democratica e partecipativa la gestione dello strumento informatico/informativo del M5S“. Ancora più duro il senatore Campanella che ha paragonato il blog a una pistola nelle mani di Casaleggio e invita a togliergliela il prima possibile.

Con questa decisione la base ha impresso una svolta decisa al percorso del movimento, che in passato, dopo le posizioni espresse sulla questione clandestinità e le accuse di populismo, era stato assimilato da molti analisti addirittura alle posizioni della destra e della Lega.

@cescofilip

@barbadilloit

 

Di Francesco Filipazzi

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>