7

Il caso. La telefonata di Papa Francesco a Palmaro giornalista epurato da Radio Maria

Pubblicato il 18 novembre 2013 da Fernando M. Adonia
Categorie : Cronache Cultura

PapaSquilla il telefono. È Papa Francesco a chiamare. Un gesto che ultimamente non fa più notizia. Se non fosse che dall’altro lato della cornetta c’è Mario Palmaro, giornalista e soprattutto cattolico. Ultimamente, l’ex conduttore di Radio Maria e collaboratore de Il Foglio era stato “epurato” dall’emittente diretta da Padre Livio Fanzaga. Un provvedimento che ha suscitato non poche reazioni dentro e fuori la Chiesa. La pietra dello scandalo fu l’articolo scritto a quattro mani con Alessandro Gnocchi e pubblicato sul giornale di Giuliano Ferrara, dal titolo “Questo Papa non ci piace”. Insomma, un esercizio di critica ritenuto non perfettamente in linea con le esigenze della popolarissima radio mariana che fa direttamente capo all’editore Vaticano e quindi al Vescovo di Roma.

In un passaggio di quella articolo “indigesto”, in tema di comunicazione e nuovo Pontefice, Palmaro e Gnocchi ebbero a scrivere: “Visto il consenso praticamente unanime nel popolo cattolico e l’innamoramento del mondo, contro il quale però il Vangelo dovrebbe mettere in sospetto, verrebbe da dire che sei mesi di Papa Francesco hanno cambiato un’epoca. In realtà, si assiste al fenomeno di un leader che dice alla folla proprio quello che la folla vuole sentirsi dire. Ma è innegabile – continuano – che questo viene fatto con grande talento e grande mestiere. La comunicazione con il popolo, che è diventato popolo di Dio dove di fatto non c’è più distinzione tra credenti e non credenti, è solo in piccolissima parte diretta e spontanea”.

Nonostante questi ammonimenti espressi, lo stesso Bergoglio ha preferito interloquire direttamente con uno degli autori di quella dura invettiva. Al centro della telefonata non vi è stato però uno scambio di vedute sull’ecclesiologia o sul futuro della pastorale pontificia. Secondo quanto riferisce Vinonuovo, portale on-line d’informazione religiosa, lo scopo della chiamata aveva ben altra finalità. Il Papa ha voluto esprimere un gesto di attenzione e solidarietà verso Palmaro, che secondo quanto diffuso dal periodico Settimana sarebbe gravemente malato. Del contenuto della chiamata non sono stati diffusi ulteriori dettagli.

@barbadilloit

Di Fernando M. Adonia

7 risposte a Il caso. La telefonata di Papa Francesco a Palmaro giornalista epurato da Radio Maria

  1. Antonio

    bla…bla… com’e’ travisata oggi la “Verita’ (cfr.S.Tomma-so). Quante persone blaterano, discorrono, si mettono nella vetrina mediatica per contare, apparire, lucrare, non considerando che ciascuno e’ importante, unico,
    irripetibile per quanto e’ dentro (non per ns. merito…ma per “dono”…)! Papa Francesco e’ meraviglioso! Un vero gesuita! Invece appare che certi comunicatori usano il papa per fini di mera appariscenza professionale

  2. Ci sono persone chr frequentiamo ogni giorno o che fanno parte della sfera dei ns. contatti che vivono raccontando quello che”si dice”, che hanno sentito da qualche parte, a volte ingigantendolo e compiacendosi di auello che fanno sapere agli altri, di cio’ che credono di conoscere. Appare un modo di vivere vuoto.
    Papa FRANCESCO e’ l’uomo provvidenziale drl nostro tempo! Lode e gloria a Dio che provvede in ogni tempo per noi con la migliore soluzione.

  3. Con riferimento all’articolo surriportato esprimo il mio pensiero. Papa Francesco e meraviglioso.
    In FRANCESCO e’ facile scorgere l’Amore di Cristo. Con Lui per la prima volta viene chiaramente affermato che tutta la vita dI ogni uomo e’ sicuramente ECCLESIALE xche’ cio’ che rende tale ogni azione o atto umano non e’ il timbro della Gerarchia… bensi’ il Soffio dello Spirito di Dio che SOFFIA COME E DOVE VUOLE LUI, indipendentemente che un uomo aderisca alla confessione cristiana papalina, oppure ad altre credenze religiose (“Chi sono io per giudicare… “). Dio, e’ Amore paterno, presente in ugual misura in ogni uomo. Francesco richiama a considerare che la figliolanza divina e’ per TUTTI. Davvero per tutti. QUESTO RIBALTA VECCHI CONCETTI “CATTOLICI”.

  4. seguito 2
    Il gesuita card. Carlo M. Martini di v.m. (cfr. Conversaz. Notturne a Gerusalemme) aveva detto che in certi aspetti la Chiesa era indietro di 200 anni. Papa Francesco, raccogliendo tali preoccupazioni, sta gia’ passando rapidamente all’azioni per adeguare sempre piu’ la Chiesa ai bisogni dell’uomo d’oggi.

  5. Con l’arrivo di FRANCESCO finiscono le conventicole e del potere e fioriscono i deserti e l’insperato diventa realta’. Tutti – credenti e non – percepiscono l’azione irrompente dello Spirito Santo che rinnova la chiesa, la cultura, praticamente… la faccia della terra! Per me la simpatia di Francesco dalla quale le folle vengono attratte E’ POCA COSA rispetto al grande coraggio che lo anima ed irresistibilmente lo guida. Gli uomini possono creare e disfare secondo propri usi e costumi, ma quando irrompe lo Spirito di Dio e’ un’altra musica! W Francesco. Lode a Gesu’ che viene

  6. Sono in accordo. Senza alcuna polemica, chi se ne frega delle fonti mediatiche “supponenti”. Chi fa la storia di Dio e’ Gesu”, Maria e il Suo Vicario pontefice. E’ solo Gesu’ che attira, educa, salva e guida gli uomini, tutti gli uomini, alle verita’ dell’ Amore di Dio.

  7. Ieri sera ho letto un bellissimo libro del card. Martini (“il sogno di Giacobbe”) e questa notte ho fatto anch’io un sogno. Chissa’ se il mio sogno dipende dalla predetta lettura oppure e’ stato uno stimolo profetico, una specie di chiamata ad una mission particolare. Nel sogno mi sono visto fondatore di una radio speciale con fini esclusivamente spirituali che non raccoglie offerte, dove nessuno e’ pagato xche’ tutto e’ rigorosamente basato sul piu’ puro volontariato, dove i cronisti sono semplicemente uomini di buona volonta’, dove il c.d. “imprimatur” viene semplicemente dallo Spirito, dove tutto avviene all’insegna del max. confronto e condivisione perche’ non sono previsti capi, anzi tutti sono uguali, semplici come le colombe, non supponenti, che ripongono il proprio impegno solo sulla Provvidenza di Dio e non delle proprie convinzioni. Che dire di piu’. Grazie per aver
    letto il mio sogno.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>