4

Manif pour tous. Miriano: “In piazza per ‘trasgredire’ in nome della famiglia (di sempre)”

Pubblicato il 7 agosto 2013 da Elena Barlozzari
Categorie : Cronache Le interviste

foto (30)Roma, 5 Agosto 2013. L’onda di protesta arrivata dalla Francia in Italia prosegue senza pause estive, stavolta il popolo di “Manif Pour Tous” si è ritrovato in Piazza di Pietra, a due passi da Montecitorio, per  far arrivare in Aula il suo no alla proposta di legge Scalfarotto-Leone “Contro l’omofobia e la transfobia” contemporaneamente discussa dalla Camera dei Deputati.

“Manif Pour Tous”, movimento spontaneo apartitico ed aconfessionale, esprime il suo disappunto rispetto a quella che potrebbe delinearsi come “una vera e propria “legge bavaglio” che, se approvata, impedirebbe nei fatti ad associazioni e liberi cittadini di opporsi in modo civile e argomentato a provvedimenti riguardanti il matrimonio omosessuale e l’adozione di figli da parte di coppie dello stesso sesso.

Tra i 400 i manifestanti presenti  abbiamo incontrato Costanza Miriano, “aspirante casalinga” ma anche giornalista ed autrice di “Sposati e si sottomessa” e “Sposati e vivi per lei”, una pensatrice fuori dagli schemi che con spigliatezza ed ironia è riuscita a tirar fuori le linee fumettistiche di una vicenda preoccupante.

Di Elena Barlozzari

4 risposte a Manif pour tous. Miriano: “In piazza per ‘trasgredire’ in nome della famiglia (di sempre)”

  1. IlIl titolo è ‘sposati e muori per lei’

  2. io direi che il titolo del nuovo romanzo potrebbe essere “i Promossi sposi”…

  3. io direi che il titolo del nuovo romanzo potrebbe essere “i Promossi sposi”…

  4. Non conoscevo questa autrice, mi ha incuriosito molto il suo modo di fare ed i titoli (assurdi?!) dei suoi libri… credo proprio che ne acquisterò uno!

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>