4

Il commento (di M. Vattani). Le idee a destra restano ma vanno perseguite con altri mezzi

Pubblicato il 17 luglio 2013 da Mario Vattani
Categorie : Corsivi Politica

Surrender_of_JapanDopo l’armistizio firmato a bordo della USS Missouri il 2 settembre del 1945, il comando delle forze di occupazione americane, che aveva fatto i conti con gli ultimi mesi di disperata difesa giapponese da isola a isola, da scoglio a scoglio, si accorse con meraviglia – e immaginiamo con un certo sollievo – che non era stata organizzata nessuna resistenza contro l’invasore, nessuna guerra a oltranza, nessuna “insurgency”.

Il Giappone aveva voltato pagina. La guerra era persa, e soprattutto era finita. Punto.

In Italia è stato molto diverso: la sconfitta completa della resistenza alle forze di occupazione, degli “insorgenti” più o meno organizzati, degli ex-combattenti ormai ultraottantenni e dei loro nipoti e pronipoti – compresi i pronipoti associati per simpatia se non per storia familiare – è avvenuta solo il 25 febbraio 2013.

Quel giorno si è compreso che l’elettorato, anche per motivi anagrafici, aveva definitivamente perso interesse per ogni rivendicazione storica. Non solo per ignoranza o disattenzione, semplicemente per la palese inutilità del dibattito. Soprattutto però, l’elettorato aveva perso interesse e fiducia in una comunità che umanamente o idealmente proveniva direttamente dalla guerra civile ’43-45. Una comunità più che un corpo politico, che lentamente si era andata assottigliando, e aveva progressivamente perso – oppure rinunciato a – riferimenti, simboli, idee, visione d’insieme. Voti.

Per carità, ci dicono sempre che le idee rimangono, ed è vero. Rimane certamente anche la rivendicazione storica, e quella lasciamola ai professionisti. Ma la forma-partito prevede la mobilitazione numerica, e quella, lo abbiamo visto, non c’è. La mobilitazione numerica ha bisogno di idee trainanti, e quelle che ci sono non trainano. A meno che qualcuno non creda seriamente che, con una storia politica e culturale come la nostra, si debba scendere nel fango e accapigliarsi su matrimonio omosessuale o altri temi cosiddetti etici. Certo si può fare. Potrei farlo anche io, ma prima dovrei ubriacarmi.

Intanto, in questo periodo di momentanea sospensione, mentre aleggia ancora il pulviscolo di un mondo esploso, vediamo in tutta Italia, in molti appuntamenti, quella comunità umana rincontrarsi, riparlarsi. Sono appuntamenti quasi furtivi. Non se ne legge notizia, ma è per assenza di interesse del pubblico. Incontri praticamente invisibili: senza stampa, per mancanza di numeri, di peso politico, di novità.

Già perché nessuna colonna motorizzata di occupanti si è mai fermata per un gruppo di reduci, stanchi e non più giovanissimi, riuniti in un vecchio salone a discutere di come sono andate le cose. Naturalmente parlo a titolo personale, ma di fronte a questo palcoscenico, un’alternativa c’è.

Arrendersi. Dichiarare la resa. Aspettare il proprio turno, in silenzio, sul ponte della USS Missouri. Perché c’è qualcosa di purificatorio nella resa. Arrendersi significa ammettere una sconfitta pratica, tecnica, numerica. E basta.

Attenzione: la resa non implica la rinuncia alle proprie idee. Anzi, forse in quel modo le idee diventano addirittura più pure, sublimi. Forse la resa è l’unico modo per proteggere il nucleo duro della propria identità. Perché chi si arrende non rinuncia alla sua anima, e nemmeno ai propri sogni. La regola è semplice: l’importante è arrendersi solo quando si è perso veramente. Che non si pensi mai che si poteva ancora resistere.

Poche immagini teatrali sono deprimenti quanto quella del vecchio soldato stremato, che cerca lo scontro con un nemico che lo ignora. L’idea della resistenza a oltranza la conosciamo. Ma conosciamo anche la parola composta che unisce il tragico al comico. Molti italiani sembrano apprezzare quella parola e quell’immagine, e la trovano addirittura commovente. Per me invece è uno dei lati dell’Italia che non riconosco e non apprezzo, nello stesso modo in cui non credo di aver mai pronunciato l’esclamazione “mammamia” o detto “buono buono” col dito infilato nella guancia.

Le idee rimangono, sono splendide, e vanno portate avanti con altri mezzi, nella cultura, nell’arte. E’ lì che le regole sono completamente diverse, è lì che le forze di occupazione del pensiero unico e del “politically correct” sono più deboli, dove i cingoli dell’omologazione scivolano perché trovano la vera, lucida, libertà. E’ lì che le commissioni di epurazione inciampano da sole nel loro stesso vocabolario. E’ lì che si sposta il conflitto. Lì c’è ancora un arsenale. Lì si riparte da capo.

“Ci rivediamo alla prossima”.

Di Mario Vattani

4 risposte a Il commento (di M. Vattani). Le idee a destra restano ma vanno perseguite con altri mezzi

  1. No caro Vattani le idee se non vengono divulgate,attuate,rese fruibili servono a poco.
    Certo è giusto che chi ha il talento di poterle metteere in musica o su tel o in qualsiasi altra forma artistica lo faccia.
    Ma chi come,semplice iscritto a CasaPound non ha altro che la sua volontà di non sottomettersi alle menzogne quotidiane che ci propinano cosa dovrebbe fare?
    Restare a casa,lasciare che sempre e comunque glia ltri decidano per te senza neanche la possibilità di sputargli in faccia il proprio disprezzo.
    No mi spiace non posso condividere questo atteggiamento snobbistico.
    Certo bisogna fare tutti gli sforzi possibili per rinnovarsi e per non cadere nella trappola del folklore nostalgico ma la battaglia quotidiana va combattuta sempre e le idee se sono valide prima bisogna farle conoscere e poi se possibile realizzarle.

  2. E’ una soluzione da valutare…però credo che un tentativo “politico” ancorato alla rinascita di una “destra” sociale nazionale e popolare, sovranista e comunitaria, sia possibile…che sia l’ultimo però!!!

  3. Ma il signor Vattani conosce Casapound Italia?
    Cosa c’è di più spontaneo e al di sopra dei soliti stereotipi di “destra” di Casapound Italia?
    E poi scusa caro Vattani, ma tu quello straordinario artista di Avanguardia pura che è Sottofasciasemplice, non lo hai mai ascoltato?
    Le Idee qualcuno le sta portando avanti già da un pezzo…. SVEGLIAAAAA!!!

  4. articolo perfetto

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>