0

Rai. Il Nuovo ordine mondiale al centro di un dibattito in prima serata

Pubblicato il 17 luglio 2013 da Mario Bozzi Sentieri
Categorie : Televisionando

bilderIl tema della “guerra occulta” non ha mai avuto molta fortuna in Italia.  L’idea   di una guerra “sotterranea”, in grado di orientare e “sovvertire” il corso della Storia,  è sempre stata chiusa in  ambiti ristretti,  lontani dalla cultura scientifica e dalle luci dell’informazione di massa. Negli ultimi anni tuttavia, anche sull’onda della grave crisi economica e finanziaria globale,  notizie sull’attività  e la composizione di   taluni circoli  “esclusivi” hanno  iniziato a circolare  in Rete, creando curiosità e nuove polemiche.

Nell’aprile scorso, Giorgia Meloni,   intervenendo alla Camera, in occasione del voto di fiducia,  si è lamentata dell’appartenenza del nuovo presidente del Consiglio, Enrico Letta,  al Club Bilderberg, l’organizzazione internazionale  che ha tra i suoi protagonisti molti personaggi della vita politica, economica e finanziaria italiana: “Per entrare al Governo sembra che sia necessario avere il numero di telefono del gruppo Bilderberg”, ha dichiarato provocatoriamente in aula, a Montecitorio, la leader di Fratelli d’Italia.

Nel campo dell’editoria, sul  “Nuovo Ordine Mondiale”, Arianna Editrice sta svolgendo, da qualche tempo,  una meritoria opera di controinformazione, pubblicando saggi  non toccati  dalle censure e dalle possibili querele.

E’ grazie a questo impegno che venerdì prossimo, 19 luglio, su Rai2, due autori di Arianna Editrice, Daniel Estulin e Enrica Perrucchietti, verranno intervistati nell’ambito del nuovo programma “Il Verificatore”, condotto da Roberto Giacobbo, che dedicherà un ampio servizio al nuovo ordine mondiale.

Daniel Estulin, con il suo  libro  “Il Club  Bilderberg”, tradotto in 50 lingue,  diffuso in oltre 70 Paesi e del quale  è anche prevista la versione cinematografica, ha dimostrato  come il Club Bilderberg sia stato coinvolto nei maggiori misteri della storia recente, dal Piano Marshall allo scandalo Watergate e come in questa élite emergano le figure chiave dello scacchiere internazionale, presidenti USA, direttori di agenzie come CIA o FBI, vertici delle maggiori testate giornalistiche. Estulin ha colpito   questa organizzazione proprio sul suo nervo più sensibile, privandola della segretezza, della discrezione e dell’ombra di cui si è sempre servita e di cui necessita per attuare i suoi piani.

Enrica Perrucchietti, in “Governo globale” , ha invece  svelato  per la prima volta in modo documentato, la storia segreta del Nuovo Ordine Mondiale, dalle sue origini a oggi: la genesi, l’ideologia e le tappe storiche, dalle origini della modernità all’attuale sfida militare che vede come terreno di battaglia il Medio Oriente.

Chi ha coniato il termine e chi perpetua in segreto il disegno di instaurazione di un governo globale? Quali interessi si nascondono dietro questo progetto? Che ruolo hanno i membri di affiliazioni e gruppi occulti che riuniscono i protagonisti della vita politica, economica e finanziaria globali? Quale disegno si nasconde dietro la diffusione della tossicodipendenza di massa, fenomeni inquietanti e criminali come il satanismo, certi movimenti “culturali”, o di “controcultura”, come la “rivoluzione” psichedelica? In questo gioco di equilibri, quale obiettivo nasconde il progetto di instaurazione di un Governo Globale che lungo il suo cammino assoggetta i Popoli, fa cadere nazioni e governi come pedine di un complesso domino di cui non si riesce a vedere il disegno complessivo?

Molte domande – come si vede. Molte  nuove opzioni per una rilettura della Storia recente fuori dall’ordinario.

Tutto vero ? Senza volere assolutizzare queste “chiavi di lettura”   molto – crediamo – c’è da verificare in tanti fatti “inspiegabili” e nelle carriere di certi personaggi.

Non è che l’inizio. In questo senso la trasmissione di Rai2 è un’occasione da non perdere: rara prova di libertà in un mondo dell’informazione in cui troppo spesso è l’omologazione a dettare legge.

Di Mario Bozzi Sentieri

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>