0

Il caso. Difendiamo Gervasoni dal conformismo censorio del pensiero unico

Pubblicato il 21 Settembre 2019 da ***
Categorie : Corsivi Politica
Marco Gervasoni

Marco Gervasoni

Il professor Marco Gervasoni, accademico dell’Università del Molise, non insegnerà più alla Luiss di Roma. Secondo la ricostruzione di Daniele Capezzone sulla Verità, sarebbe stato epurato per i tweet sull’immigrazione scritti sui social l’estate scorsa. E’ un brutto segnale per la libertà d’opinione in questo paese.

Clima irrespirabile

Dopo la mossa liberticida del gestore dei social che ha cancellato senza dare spiegazioni centinaia di account politicamente scorretti, ora questa epurazione accademica. Solidarietà a Gervasoni, studioso di storia e politica molto stimato, documentato e affatto incline ai diktat delle solite parrocchie. E poi un invito ai nostri lettori: è in atto una campagna repressiva contro le idee politicamente scorrette. A questo stato di cose si risponde evitando reazioni umorali, ma con la chiarezza delle proprie idee, da esprimere con stile e rinnovata determinazione. (***)

Il post del prof. Alessandro Campi sul caso Gervasoni

“Leggo dell’allontanamento coatto dalla Luiss di Marco Gervasoni, mio collega e amico, a causa delle sue posizioni in materia d’immigrazione. Se vera la notizia nei termini in cui è stata riportata, in attesa che l’università della Confindustria dia la sua versione, si tratta di una vicenda v-e-r-g-o-g-n-o-s-a, di un autentico attentato alla libertà intellettuale e di pensiero (tragicamente paradossale visto che stiamo parlando di un ateneo che si picca del titolo di liberale e dove hanno insegnato Maestri della ‘società aperta’ quali Dario Antiseri o Luciano Pellicani).
La mia impressione è che non si tratti più nemmeno di censura, intolleranza o repressione del dissenso, ma di qualcosa di più sottile e grave: del prevalere del conformismo, dunque dell’uniformità delle idee, rispetto a qualunque pluralismo. Il mondo della cultura, a partire da quella accademica, cresce attraverso il confronto – anche aspro – tra posizioni differenti e distanti. L’esistenza di un mainstream politico-intellettuale al quale tutti debbano attenersi, pena l’espulsione dal consorzio civile e dalla sfera pubblica, mi fa davvero orrore. Oltre al piccolo particolare che le posizioni conformi al sentimento dominante sono anche spesso quelle più
inutili e noiose. Personalmente ho sempre preferito le riflessioni eccentriche, solitarie, marginali e controcorrente, purché ovviamente sostenute dalla capacità di argomentare (il non-conformismo che è solo provocatorio lo trovo infatti egualmente inutile e noioso).
Dunque, massima solidarietà a Gervasoni.

Ciò detto, proprio perché gli sono amico, vorrei anche dire che chi fa il ‘mestiere’ del professore e dell’intellettuale pubblico ha anche precisi doveri. Deve porsi, appunto pubblicamente, in modo diverso da un politico a caccia di consensi o da un qualunque smanettatore sui social. Che sono (anzi, possono essere) un utile strumento per comunicare e dibattere, ma non è per niente detto che debbano essere impiegati come un megafono per pensieri da bar o per improperi politici. Non è ovviamente questo il caso di Marco, ma lui sa bene, per averne parlato insieme, che il suo modo di interloquire e di prendere posizione attraverso i social mi ha spesso trovato dissenziente e perplesso: non rende peraltro giustizia alla sua intelligenza e alla sua capacità d’argomentare e pensare sui temi della storia e della politica. Lui mi risponde che i social possono essere utilizzati proficuamente solo adottantone lo stile: brutale, secco, immediato, tranchant. Altrimenti nessuno ti legge e non sei efficace (da qui ad esempio l’inutilità di questo mio post). Io penso al contrario che i social vadano governati e utilizzati con critica ragionevolezza per evitare che la semplificazione diventi banalizzazione e che la radicalita del pensiero (cosa buona) diventi estemismo politico (cosa pessima). Non fosse altro – lo dico al conservatore e sovranista Gervasoni – per non mettersi al livello di quella sciatta pseudo-intellettualità di sinistra, compiaciuta del suo progressismo e dal cavalcare sempre l’onda della storia, che appunto spesso impazza sui social con le sue ‘provocazioni’ da pedagoghi e moralisti del nulla. A destra, come mi hanno insegnato i miei mentori intellettuali, lo stile viene prima d’ogni altra cosa. Sei Marco Gervasoni, uno storico originale e di vaglia, mica lo Chef Rubio o qualche altro dei maestrini del pensiero politicamente giusto e alla moda”.

@barbadilloit

Di ***

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *