3

Rai. Perché difendiamo dalle critiche ipocrite lo scrittore (“di destra”) Angelo Mellone

Pubblicato il 1 luglio 2013 da Andrea Di Consoli
Categorie : Corsivi Televisionando

mellonePubblichiamo l’intervento di Andrea Di Consoli in risposta all’attacco gratuito che – da un sito internet – è arrivato al nostro editorialista Angelo Mellone. Angelo andrà a dirigere un importante programma Rai come “La vita in diretta”:  è stato oggetto di un articolo nel quale viene utilizzata la sua appartenenza culturale come prova di una presunta “impresentabilità” per sostituire il collega che lascia la trasmissione. Argomentazioni ipocrite e strumentali, che non servono al rilancio Rai auspicato da tutto il Paese. Siamo certi invece che Mellone saprà essere valore aggiunto della Tv pubblica in veste di innovatore. Da parte nostra non possiamo che manifestargli tutta la nostra solidarietà. (Barbadillo.it)

__________________________________________________________________

Sono un intellettuale prestato alla tv, nella quale lavoro, con orgoglio di appartenenza, da molti anni. Ho sempre fatto in modo di lavorare con dirigenti che fossero anche scrittori e intellettuali, perché penso che la Rai abbia bisogno come il pane di queste “figure”. E questi scrittori, negli anni, sono stati i seguenti: Franco Scaglia, Maria Pia Ammirati, Angelo Mellone. A loro mi lega stima, amicizia, una costante volontà di confrontarsi sui temi della realtà, della cultura, del lavoro. Essendomi laureato con Walter Pedullà, credo fermamente che l’azienda Rai non debba recidere il proprio legame con il mondo culturale; e al tal proposito basti pensare che, in anni passati, in Rai ebbero ruoli cruciali intellettuali del calibro di Romanò, Bassani, Cattaneo, La Capria, Piccioni, ecc.

Spero che questa tradizione continui.  

Per vivere, essendo un padre di famiglia, faccio tante cose: scrivo libri, collaboro ai giornali, realizzo documentari, lavoro in tv. E, nonostante il bisogno (non essendo benestante di famiglia), preferisco lavorare con gli intellettuali, con persone a me affini, perché mi sento più a mio agio, e poi perché mi permettono di non “tradire” troppo (mentalmente) il mondo dal quale provengo.

Bene, in tutti questi anni mi sono accorto di una cosa, ovvero che qualsiasi forma di legame intellettuale viene sempre guardato con sospetto o con disgustosi retropensieri. L’Italia ormai è il Paese dove due amici sono sempre due intriganti e dove se recensisci il libro di un amico sei automaticamente un “marchettaro” (ma che ci posso fare se gli autori che mi piacciono diventano poi anche amici? E poi perché qualcuno dovrebbe impormi di non avere amici? Questa paranoia mi disgusta). E mi sono stufato, di questo clima giacobino e inutilmente cattivo, rancoroso, pieno di veleni. Di questa Italia che sa solo mettere in giro voci squallide su chiunque si dia da fare per crescere professionalmente e per far crescere lo spazio nel quale lavora. Perché questa premessa? Perché già so che qualcuno, fra poco, dirà che “difendo” Angelo Mellone solo perché mio amico, oppure perché “lavoriamo insieme” (e invece io difendo Mellone perché è un intellettuale e uno scrittore serio, e perché mi piacciono le cose che fa). A nessuno viene più in mente che esistono valori (nei quali credo con tutto me stesso, e che vanno al di là della pagnotta che pur bisogna guadagnarsi) quali l’amor di verità, la stima intellettuale, il dovere di parlare quando sarebbe molto più comodo rimanere in silenzio (se c’è una cosa che combatto duramente in me stesso è la viltà che cova dentro ciascuno di noi).

Da qualche parte qualcuno ha definito Angelo Mellone un orribile fascista, un indegno sostituto di Daniel Toaff (un dirigente che personalmente stimo molto: un vero maestro) al programma “La vita in diretta” di Rai1. Ne sono profondamente rattristato, perché Mellone non è un fascista nostalgico della Rsi, ma un italiano (un meridionale divorato dalla passione civile) che onora quelli che reputa i suoi padri, e che ha il coraggio di stare con i perdenti della storia inseguendo il sogno di un’Italia meno ipocrita e meno conformista. Mi sono sempre confrontato con Mellone con immenso piacere – pur provenendo culturalmente da un altro mondo: dal liberalsocialismo cattolico –, perché è un intellettuale vivo, generoso, coraggioso, che si spende senza reti protettive in battaglie difficili e articolate.

Ma a questo punto i tanti rancorosi senza volto diranno: “Ah, ecco, è il solito trasversalismo romano!” No, è qualcosa di molto più profondo: è il legame tra due figli del Sud che sono venuti a Roma senza avere nulla (io dalla Basilicata, Mellone da Taranto) e che si sono trovati ad affratellarsi sul terreno delle idee, dei libri, della cultura, della nostalgia del Sud. Chi ha definito Mellone un orribile fascista perché non dice che a Taranto, sulla questione Ilva, Mellone sta facendo una battaglia in difesa della fabbrica e del lavoro? E perché non dice che a Casa Pound negli ultimi anni sono transitati un sacco di intellettuali anche di sinistra, essendo un posto di vivace operatività culturale?

Io, a differenza di Mellone, non seguo molto la politica, né nasco nelle organizzazioni partitiche (a differenza sua, poi, sono un cane sciolto, un solitario, un che tende a nascondersi). Ma mi chiedo come possa essere definito fascista uno che da ragazzo andò a Bari, all’indomani dello sbarco della Vlora, ad aiutare gli albanesi appena giunti da un viaggio disumano. Uno che scrive poesie (nessuna ideologia violenta, crudele e liberticida partorisce poeti), poemi struggenti sul Sud, come per esempio “Addio al sud”, che ho avuto il piacere di introdurre. E come possa essere definito fascista uno che considera tra i suoi maestri Leonida di Taranto, il poeta degli “ultimi”, dei perdenti.

Non ci sto, e nulla m’importa di quanti vedranno in questa mia “difesa” qualche oscuro movente “interessato” (quanto avevo da dire l’ho detto in questo mio corsivo). Sono orgoglioso di lavorare in Rai dall’anno 2000. Sono orgoglioso di lavorare con gli intellettuali e gli scrittori che vi hanno responsabilità. E sono orgoglioso che la Rai abbia tra i suoi dirigenti uno che proviene da una destra popolare, culturale e spirituale che vive il confronto con tutti (comunisti inclusi) all’insegna del rispetto, del pluralismo, della tolleranza, della disponibilità a rivedere le proprie idee (e poi perché nessuno dice che Mellone è un signor professionista e che ha scritto molti libri e articoli sul sistema mediatico, sull’immaginario collettivo, sul racconto dell’Italia profonda?). Solo chi è insicuro delle proprie idee costruisce steccati e stila liste di proscrizione. Non è la mia cultura; al contrario, mi piace frequentare chiunque abbia intelligenza e generosità, e di questa mia curiosità vado fiero.

Ripeto, in Rai non conto nulla, sono un povero autore che cerca di fare al meglio il proprio lavoro, ma “dal di dentro” posso dire – e lo dico con umiltà ma anche con la consapevolezza di conoscere il luogo dove lavoro da tredici anni – che Mellone è un intellettuale e un professionista che dà valore aggiunto alla Rai e che sa motivare le persone e animare le strutture che dirige. E mi chiedo, in conclusione: giova al Paese gettare ombre (per non dire altro) su chiunque emerga? Giova insozzare ogni cosa per puro istinto distruttivo? La mia risposta è no.

Di Andrea Di Consoli

3 risposte a Rai. Perché difendiamo dalle critiche ipocrite lo scrittore (“di destra”) Angelo Mellone

  1. Tutto bene. Solo un appunto (polemico) con questo signor Di Consoli. Dove sta scritto che un fascista non possa aiutare i poveracci? O che non possa scrivere poesie anche belle? Oppure che non possa avere stima e rispetto per un “poeta degli ultimi”? Io non so se Mellone sia fascista o meno ma difenderlo da accuse infamanti e poi descriverlo come un animo sensibile perché lontano dai cliché del “Fascista” così come li conosce Di Consoli è un’operazione – involontariamente credo e spero – sporca. E almeno su Barbadillo converrà mettere qualche puntino sulle “i”. Le opinioni sono opinioni, i fatti è meglio tenerli per quello che sono. E tra questi c’è il fatto che – forse sconvolgente per i vari Di Consoli – nel Fascismo hanno militato intellettuali di primissima categoria. E molti non hanno mai cambiato bandiera. Che per un intellettuale non è cosa da poco…

  2. Andrea Di Consoli è uno dei più bravi scrittori e poeti italiani contemporanei. Uno che ha deciso di dare disinteressamente una mano a Barbadillo e di entrare nel nostro gruppo di amici, pur provenendo da una tradizione culturale differente oggi è molto vicino alle posizioni di una destra delle radici e delle tradizioni (per me, pure troppo “di destra”, figuriamoci). Andrea ha usato la parola “fascista” nello stesso modo, e volutamente, in cui è stata impiegata dall’autore del pezzo che mi ha creato ieri un poco di affaticamento. Andrea conosce, per dire, Pound molto meglio della maggior parte di noi. Dunque, gli vanno i miei ringraziamenti come amico, come fratello, come militante dell’idea di un Sud differente.

  3. Lungi da me ogni considerazione sui rapporti fraterni tra “militanti dell’idea di un Sud differente”. Quello che dicevo – e che confermo – è che poiché le parole sono importanti è doveroso usarle a proposito. Soprattutto di questi tempi dove ad antiche confusioni se ne aggiungono sempre di nuove. E chi ha cultura e letture alle spalle ha forse anche qualche dovere in più. Ad ogni modo il pezzo di Di Consoli è lì e chiunque può giudicare come meglio crede

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>