0

Musica. “Il Mestiere di Vivere”: Bassignano rispolvera il cantautorato con un concept album

Pubblicato il 25 Giugno 2019 da Stefano Sacchetti
Categorie : Musica
Ernesto Bassignano

Ernesto Bassignano

Un docile folk guida i discorsi più disparati: si parla di vita, di emozioni che fanno i conti con il contesto sociale, flebile, nevrotico, soggetto a cambiamenti repentini. I cantautori hanno cambiato stile, struttura, in molti casi bandiera. È questione di coerenza, di opportunità. Se è vero che il medium è il messaggio, il cantautorato da qualche tempo ne è parso sprovvisto. Non Ernesto Bassignano però. Artista poliedrico, conduttore radiofonico, ha una natura artistica molto forte, che viene da lontano. Multitraccia vivente che si è fatto le ossa al Folkstudio romano e al Teatro politico di Gian Maria Volontè, come molti reduci del grande sogno sessantottino non nutre pudori nel raccontare sé stesso con le relative impressioni sul reale che lo circondano.  Torna così sulla scena con un nuovo album dai toni situazionisti, poderoso e complesso, Il Mestiere di Vivere, in cui riecheggia un omaggio a Cesare Pavese, scrittore che rientra a pieno titolo nel pantheon letterario dell’artista. Si tratta di un tipo di cantautorato che prova a raccontare quello che c’è, sposta l’orizzonte più in là, si sporca con il magma sociale a cui viene frapposto l’eco del migliore canto popolare, si cerca il valore dell’utopia che vede l’essere umano come fine e non come strumento adatto ad ottenere un profitto di qualsivoglia genere. C’è spazio per molto, in quello che potrebbe essere definito come concept album. C’è posto per i ricordi del Derby, per gli esordi da cantautore.  Si contestano le tendenze, le pose, gli atteggiamenti che sviliscono l’arte, un dolce ricordo, tenue come il richiamo nostalgico che supera la nebbia del vivere e vuole lanciare un messaggio, unico, di autenticità, fuori dall’idea di bilancio ma aperta al cuore della vita stessa.

Il mestiere di vivere, al pari dell’omonimo libro, non a caso, rimanda ad un’idea di fatica, di metodo, che si trascina però nell’idea di reazione a qualsiasi inerzia conformista che sfida l’industria culturale a colpi di ironia.

Ernesto Bassignano. “Il mestiere di vivere” (Helikonia)

Di Stefano Sacchetti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *