1

Figurine. Dall’Ancona a Striscia la Notizia passando per l’Inter, la sgroppata di Felice Centofanti

Pubblicato il 7 Febbraio 2019 da Giovanni Vasso
Categorie : Figurine

Il mio calcio è quello di Baresi, Gascoigne, Di Livio, Nunziata, Roberto Baggio. Quello di George Best, magari quello mio. Ma di gioia, allegria e di un attimo di follia sinceramente non ne vedo più

(Felice Centofanti)

 

Se c’è stato un terzino sinistro che non ha passato gli anni ’90 da inosservato, questi è stato Felice Centofanti. Tutti lo ricordano per la lunga criniera riccioluta e nera, il pizzo da Dartagnan e la botta di sinistro che fece la gioia dei suoi tifosi.

Esplose ad Ancona, nell’anno della prima storica stagione in serie A. Quella del 1992-93, in cui, nelle Marche, giocavano Zarate senior e l’ungherese tronfio Lajos Detari, dove il condor Massimo Agostini segnava senza prosopopee spalleggiandosi con quell’altro filibustiere dell’area di rigore che è stato Nicola Caccia. Centofanti, di quella squadra, era l’inamovibile “numero tre”. Capace di sgroppate inesauribili e colpi di classe impensabili come quando, alla quinta d’andata, estorse il pareggio (4-4!) a Marassi contro il Genoa con una doppia rovesciata iniziata da lui e terminata dal Condor Agostini.

Rimarrà ancora un anno ad Ancona, accompagnando la squadra di Guerini alla storica finale di Coppa Italia, dalla B. Poi l’occasione di una vita: l’Inter. Senza falsa modestia, nel primo anno delle magliette personalizzate, sceglie la “nove”. Quella del centravanti. Eppure all’Inter di Hodgson c’erano fior d’attaccanti come Ganz, Branca e Del Vecchio. Il problema suo, però, sarà la concorrenza: nel suo ruolo, infatti, l’Inter ha già Roberto Carlos. Ma Hodgson, molto confuso nella sua esperienza italiana, preferisce a tutti Alessandro Pistone.

Dopo un anno, saluta Milano e riprende il giro della B e, infine, scende in terza serie. Ma dato che lui è un personaggio vero, quando appende le scarpette al chiodo si reiventa in un ruolo tutto nuovo: sarà inviato di Striscia la Notizia. Intanto il calcio non gli piace più. O, almeno, come dichiarerà in un’intervista al Corriere del Veneto prima di tornare a calcare i campi della Terza Categoria, non gli piace più il pallone di Cassano e Balotelli. Per chi, come lui, è cresciuto nel mito di Gascoigne e di Best, le chiacchiere stanno a zero.

 

Di Giovanni Vasso

Una risposta a Figurine. Dall’Ancona a Striscia la Notizia passando per l’Inter, la sgroppata di Felice Centofanti

  1. Un buon giocatore Centofanti, avrebbe potuto fare molto all’Inter, il problema fu che Hodgson era inadeguato a quella squadra

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *