12

Elezioni. Ecco i candidati di Alemanno nella Lega (dopo il divorzio da Storace)

Pubblicato il 7 febbraio 2018 da Fernando Redondo
Categorie : Politica

alemanno-14Il Movimento Nazionale per la Sovranità presenta i suoi candidati, presenti alle elezioni sotto l’egida della Lega di Matteo Salvini. Undici sono gli uomini e le donne che rappresenteranno il movimento di Alemanno, nonostante il recentissimo divorzio dal sodale Storace.

Ecco la lista.

In Umbria, al collegio unico proporzionale per il Senato c’è il consigliere comunale di Orvieto, funzionario del Ministero delle Politiche Agricole Andrea Sacripanti. E’ il terzo nel listino. Nel Lazio, al collegio uninominale del Senato di Roma – Fiumicino c’è il medico legale Luisa Regimenti, presidente dell’Associazione nazionale dei medici legali.

In Campania, alla Camera, nel collegio proporzionale di Benevento, Avellino e Ariano Irpino è candidato – al numero quattro del listino – l’avvocato avellinese Ettore de Conciliis. Al Senato, sempre in Campania 1, ci saranno Claudio Barbaro, presidente nazionale dell’Asi e Giuliana Sorà, informatore scientifico. Sono, rispettivamente, al primo e secondo posto del listino.

Al numero due del listino presentato dalla Lega al Collegio proporzionale Calabria 1 di Cosenza e Crotone c’è l’avvocato Emma Staine. In quello proporzionale del Senato, invece, c’è il legale Clotilde Minasi e l’imprenditore Fausto De Angelis, al secondo e terzo posto in lista.

Tre i candidati pronti a correre in Sicillia. All’uninominale, nel collegio di Marsala, ci sarà l’avvocato Tiziana Pugliesi, consigliere dell’Ordine degli Avvocati di Trapani. Nel collegio proporzionale della Camera, di Marsala, Monreale e Bagheria, capolista sarà l’ingegnere Sabina Bonelli mentre nel proporzionale di Messina, Barcellona ed Enna, al secondo posto nel listino entra la docente universitaria Marina Trimarchi.

@barbadilloit

Di Fernando Redondo

12 risposte a Elezioni. Ecco i candidati di Alemanno nella Lega (dopo il divorzio da Storace)

  1. Bhe’ allora stamo freschi ….

  2. Netto predominio di candidate :il “femminismo” vince anche a destra,come in “Fratelli d’Italia” .A quando un parlamento-gineceo?

  3. Andiamo bene, no c’è mai fine al peggio… Si Tullio ormai la moda delle “quote rose” anche a destra è diventata prevalente, questo già la dice lunga sui metodi di selezione dei candidati…

  4. Ma Barbadillo non si occupava di cultura, politica etc etc.
    Qui siamo alla fisica nucleare , alla scissione dell’atomo.
    Ammetto la mia ignoranza

  5. Questi non sono nemmeno atomi sono solo le scorie…

  6. Non e’ il problema di femminismo,il problema caso mai e il valore intrinseco del personaggio proposto..CRISTINA COCCIA.. BIOLOGA..SCRITTRICE.. per esempio ..andrebbe benissimo al fianco della MELONI..Il personaggio di cui sopra farebbe bene non insistere e trovarsi finalmente un lavoro.

  7. Inutile resistere ai cambiamenti epocali. Il maschio timoroso di oggi vuole essere guidato, coccolato, se necesario punito, dalla donna, la madre della vita…

  8. Una volta c’erano le madri in casa, quasi signore assolute, non c’era bisogno che stessero in política, tranne le eccezioni di sempre: Cleopatra, Teodolinda, Matilde di Canossa, Elisabetta I d’Inghilterra, Caterina di Russia, Maria Teresa d’Austria ecc.

  9. Eccezioni anche in italia Valeria fedeli boldrini serrachianietc .etc.

  10. Non ho detto che le donne siano migliori. Ma il fatto che oggi molti uomini le preferiscano agli uomini in politica. Un po’ meno le donne. Quando nacqui era diverso, in Italia e nel mondo…

  11. Mi hai frainteso,era un little sarcasmo sulle politicanti che ci guidano.. è proprio così..

  12. Sarebbe più o meno la stessa cosa se il Regime Fascista non fosse mai caduto.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>