0

Libri. Perché leggere “Discorso dell’ombra e dello stemma” di Manganelli

Pubblicato il 11 novembre 2017 da Marco Ciriello
Categorie : Libri
Giorgio Manganelli

Giorgio Manganelli

Ogni libro di Giorgio Manganelli è una vertigine. “Discorso dell’ombra e dello stemma” (Adelphi) è una vertigine superiore. Fuori dal tempo – Manganelli è un genere a parte – e il suo Discorso è oltre le aspettative, un romanzo “altro” con costruzioni ingegneristiche alla Étienne-Louis Boullée, quando pensa il cenotafio di Newton. Manganelli piega la lingua italiana spingendo sull’azzardo e le coniugazioni, ha la melodia di Rossini mentre ricama con l’orchestra sul semplice declamato. E se Carlo Emilio Gadda aveva la sua spiegata al popolo con Gianni Brera – come diceva Umberto Eco, facendo arrabbiare il giornalista – Manganelli rimane orfano nelle sue forzature linguistiche. Un isolato. Sembra un libro arrivato dal futuro, e lo sarà sempre. Viene da un altro pianeta, Manganelli, un posto di grazia ed esattezza. Dove si sperimenta su ogni parola, si montano e rimontano discorsi sul tutto per combattere il nulla. E sempre col ghigno dell’ironia ad ogni rigo, in ogni a capo, cercando la beffa per insidiare l’ordinarietà.  (dal Mattino)

@barbadilloit

Di Marco Ciriello

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>