0

Calcio. Sfuma il sogno mondiale, ma la Siria esce (davvero) a testa alta

Pubblicato il 10 ottobre 2017 da Careca
Categorie : Sport/identità/passioni
I calciatori della nazionale della Siria

I calciatori della nazionale della Siria

L’avventura mondiale della Siria finisce in Australia. Sconfitta (due a uno) contro i più quotati gialloverdi. Ma per i Socceroos, battere la nazionale siriana non è stata certo una passeggiata.

In vantaggio ci vanno proprio le Aquile siriane. Al sesto minuto Ci pensa Al Somah, con uno scatto che brucia la difesa australiana a trafiggere il portiere avversario. Poi sale in cattedra l’eterno Tim Cahill. Prima pareggia, sette minuti dopo il gol della Siria, e costringe la partita sui supplementari. Poi sale in cielo e, di testa, segna il gol del 2-2 al minuto 109.

La Siria non molla e all’ultimo respiro, quando era scaduto il minuto di recupero dei tempi supplementari, Al Somah si incarica di battere una punizione da posizione interessante. Il pallone, beffardo, si stampa sul palo. È la fine. L’Australia avanza, la Siria – ancora una volta – non parteciperà ai mondiali.

Ma per le Aquile, quella di Sidney non è una sconfitta. La Siria ha regalato un sogno a una nazione distrutta dalla guerra, a un intero Paese che continua a resistere all’incubo del piombo del terrore, un popolo a lutto che è riuscito a trovare un attimo di speranza grazie alla perseveranza e all’appassionante epopea di una nazionale Cenerentola che per un soffio non è riuscita nell’impresa che tutti avrebbero sperato compisse.

L’avventura dei ragazzi di Hakeem resterà per tanto tempo negli occhi e nel cuore degli appassionati di calcio, non solo siriani. Hanno dimostrato che lo sport è (molto) di più che un business, molto più di una diretta tv, molto più di un affare globalizzato.

@barbadilloit

Di Careca

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>