2

Esteri. Perché in Siria c’è il rischio di una escalation da terza guerra mondiale

Pubblicato il 15 febbraio 2016 da Gian Micalessin
Categorie : Esteri

siriaLa pace russa concepita a Monaco, giovedì notte, dal ministro degli esteri russo Sergei Lavrov e dal Segretario di Stato americano John Kerry è morta prima di nascere.

E al suo posto si materializza lo spettro di una nuova guerra ancor più sanguinosa. Mentre Kerry rinnega il piano di pace discusso con Lavrov e minaccia operazioni di terra in Siria se Mosca continuerà a colpire i ribelli appoggiati dalla Cia il premier russo Dimitri Medvedev lo accusa di diffondere un clima da nuova guerra fredda. «Sulle rovine della guerra mondiale – spiega Medvedev intervenendo alla conferenza di Monaco sulla Siria – abbiamo costruito l’Europa perchè i principi erano chiari: abbiamo bisogno di una terza guerra mondiale per capirlo di nuovo?».

Parole che colpiscono nel segno perchè a Monaco dopo le speranze alimentate dall’incontro Kerry-Lavrov di giovedì notte sono tornati a soffiare i venti di guerra. Una guerra ancor più terribile e irrefrenabile che riporta alla mente quella evocata in altre occasioni da Papa Francesco. Un regolamento di conti finale in cui turchi e sauditi potrebbero guidare la riscossa dei ribelli jihadisti messi con le spalle al muro dall’esercito di Damasco e dai bombardamenti russi. Il terrificante scenario di una guerra sempre più allargata non è né un evocazione, né un semplice timore. A conferirgli un allarmante grado di realismo s’aggiungono le dichiarazioni incrociate di sauditi e turchi pronti a prefigurare un intervento di terra dalla frontiera di Ankara spacciato come azione di contenimento dello Stato Islamico. «Nel caso si decidesse di seguire questa strategia Arabia Saudita e Turchia potrebbero partecipare ad un’operazione di terra. Per ora è solo un’ipotesi e non un piano preciso – spiega il ministro degli esteri turco Mevlut Cavusoglu che però conferma l’arrivo nella base di Incirlik d’una squadra aerea saudita pronta a partecipare alle operazioni di bombardamento contro lo Stato Islamico -. Per il momento l’Arabia Saudita sta mandando degli aerei, ma potrebbe, se necessario, inviare i soldati per un’operazione di terra».

La guerra allo stato Islamico è, ovviamente, pura finzione. Sia le incursioni aeree, sia l’eventuale operazione di terra condotta da turchi e sauditi punterebbe non tanto a cacciare i combattenti del Califfato quanto ad assumere il controllo di vaste aree di territorio siriano per trasformarle nei nuovi santuari dei ribelli jihadisti. Da quelle zone, una volta salvati i ribelli dall’accerchiamento di russi e governativi, partirebbe non una improbabile offensiva contro lo Stato Islamico, ma bensì – come fa capire il ministro degli esteri saudita Adel Al Juberir – un nuovo tentativo di abbattere il regime di Bashar Assad appoggiato dalle truppe Riad e Ankara. «Bashar Assad è debole e pressoché finito – dichiara alla Cnn Al Juberir – se non se ne andrà grazie ad un negoziato verrà messo da parte con la forza». ùSe l’obbiettivo principale d’un eventuale intervento saudita resta Bashar Assad Ankara potrebbe usare le operazioni di terra per regolare i conti, come già la scorsa estate, con le fazioni curde protagoniste nelle regioni nord orientali della Siria di un offensiva contro i combattenti del Califfato. Ma per capire quanto temeraria sia l’ «annunciata» invasione basti dire che ieri, al primo segnale di un iniziativa militare saudita e turca, l’esercito siriano schierato intorno ad Aleppo ha incominciato a muovere ad est, verso i territori dello Stato Islamico. E a far ancora più paura s’aggiungono le possibili conseguenze di eventuali confronti fra attori «esterni» sui cieli e sul territorio siriano. Molti si chiedono con angoscia cosa succederebbe se a fermare le incursioni degli F16 sauditi e turchi, privi di qualsiasi autorizzazione di sorvolo dello spazio aereo siriano, entrassero in gioco le batterie missilistiche russe dispiegate a terra. E molti osservatori sottolineano l’agghiacciante incognita di un possibile scontro tra le forze saudite dopo un’eventuale entrata sul territorio siriano e le unità di Hezbollah e dei pasdaran iraniani che appoggiano il regime di Bashar Assad e considerano i sauditi il loro peggior nemico. (dal Giornale)

@barbadilloit

Di Gian Micalessin

2 risposte a Esteri. Perché in Siria c’è il rischio di una escalation da terza guerra mondiale

  1. gracias, el baloncesto es mi paosin y hasta en inglaterra juego y hago que mis companeros jueguen y hasta a veces aprendo cosas con gente que no habia jugado antes, asi disfruto y aprendo mas y mas lo que creo que me hara mejor jugador

  2. the internation community should be more proactive in dealing with the situation in Darfur. we should not only send food aids but we also need to influence the political policies in the Darfur region.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>